Guardiani della Galassia Vol. 2 – L’A-Team galattico Marvel è tornato

Di Andrea "Geo" Peroni
18 aprile 2017

Il 25 aprile in Italia, e il 5 maggio negli Stati Uniti, torna uno dei team più sgangherati, fantascientifici e apprezzati del cinema degli ultimi anni. I Guardiani della Galassia di Star-Lord e compagnia sono pronti a confermarsi dopo gli ottimi risultati del 2014, sia per critica che pubblico che anche incassi, e sotto questo punto di vista stavolta i piani alti dei Marvel Studios e della Disney puntano chiaramente al miliardo di dollari.

Accolto tiepidamente nel luglio 2014 quando la Marvel decise di dare definitivamente un tocco galattico al suo Universo Cinematografico dopo averlo già assaggiato in The Avengers e Thor: The Dark World, Guardians of the Galaxy rappresentò una clamorosa sorpresa. Nessuno, probabilmente, si sarebbe mai aspettato un successo così travolgente come fu il film diretto da James Gunn, ritenuto da molti l’artefice dell’esplosione (meritata) dei Guardiani. Il gruppo, come forse saprete, sarà anche protagonista del maxi-evento Marvel Avengers: Infinity War e del suo sequel, previsti rispettivamente per il 2018 e il 2019, ma per il momento quello che ci aspetta è un nuovo film dedicato interamente a loro.

guardiani della galassia

Lo zoccolo duro del gruppo tornerà, più forte che mai. Star-Lord (Chris Pratt), l’eroico terrestre che ha saputo farsi un nome nella galassia dopo essere stato portato via dalla Terra anni or sono dai Ravagers di Yondu (Michael Rooker), che a quanto pare sarà molto più presente in questo sequel. La ciurma si completa del poco socievole Drax (Dave Bautista), la cui razza non capisce e tollera le metafore; abbiamo poi Rocket Raccoon (Bradley Cooper), procione geneticamente modificato che ha una passione sfrenata per le armi apocalittiche; non poteva mancare inoltre la sensuale Gamora (Zoe Saldana), una delle più feroci assassine della galassia, addestrata da Thanos stesso per diventare un sicario infallibile prima che questa decidesse di ribellarsi al titano. Non poteva mancare, infine, Groot (Vin Diesel), l’albero parlante che è divenuto in pochi giorni una delle icone più riconosciute dell’universo Marvel insieme al suo “Io sono Groot” e al suo eroico sacrificio. Non tutto è perduto però, perché il piccolo alberello è ricresciuto e lo ritroveremo sotto la forma di un piccolo esserino simpatico. Ma anche particolarmente ingenuo e combinaguai, come abbiamo visto nei trailer.

Il team di Star-Lord si ritroverà arricchito di nuovi elementi, alcuni dei quali presenza fissa dei fumetti. Mantis (Pom Klementieff), una potente telepate cresciuta da Ego e che ha fatto parte per anni anche del gruppo dei Guardiani dell’Infinito di Adam Warlock. Se però cercate sorprese e colpi di scena potenti, allora sappiate che Nebula, l’altra figliastra di Thanos e prima in combutta con Ronan per distruggere Xandar (gli eventi del sequel si svolgeranno pochi mesi dopo il primo film), sarà costretta a collaborare con i Guardiani. Quale sarà l’esito di tale inaspettata collaborazione, e cosa vorrà ottenere la figlia di Thanos dai nostri eroi?

Kurt Russell è Ego, il pianeta vivente.

A proposito di Thanos, se pensate di trovarvi di fronte ancora una volta al Titano più malvagio dell’universo, intento a cercare Gemme dell’Infinito a destra e a manca, resterete delusi. Non è detto che il folle conquistatore non decida di fare una comparsata nelle scene post-credit, ma Guardiani della Galassia Vol. 2, come Gunn ha più volte affermato, vuole raccontare una storia che si distacchi dai piani di Thanos che tornerà quindi ufficialmente nei prossimi film degli Avengers quando la sua furia si scatenerà appieno. Consoliamoci però con le gloriose new entry del cast, tra cui un Kurt Russell che si prospetta enigmatico fino alla fine e che interpreterà Ego, il pianeta vivente. Che appare sotto forma di uomo. Ma anche di pianeta, speriamo, perché il regista ebbe modo di affermare che Ego sarebbe stato il più grande effetto speciale mai realizzato nella storia del cinema. E noi gli crediamo.

Mentre il significato e il ruolo di Russell, oltre ad essere il padre di Peter Quill, rimangono ancora celati, il pericolo reale del film si chiama Ayesha, interpretata da Elizabeth Debicki. La Grande Sacerdotessa dorata regina del popolo dei Sovereign, che abbiamo già visto in tutto il suo splendore nel corso di trailer e immagini promozionali vari, non sarà particolarmente cordiale nei confronti dei Guardiani, e il suo coinvolgimento in un segreto piano di Ego potrebbe non essere un’idea tanto campata per aria. Il suo regno di terrore potrebbe rappresentare un grosso problema per i Guardiani, il cui scopo del nuovo viaggio, ossia scoprire l’identità del padre di Quill, potrebbe trasformarsi in una brutta fine per qualcuno. Non scordiamoci, inoltre, che Ayesha, spesso nei fumetti identificata semplicemente come Her, è un organismo creato artificialmente. Il secondo, dopo l’essere denominato come Him. O, per come lo conoscono molti, Adam Warlock.

Quali segreti nasconde Ayesha?

Il film sembra aver mantenuto tutti i suoi toni e colori, complice la scelta dei Marvel Studios di affidarsi nuovamente a James Gunn, regista che con il primo film ha fatto capire di essere la persona giusta al momento giusto per questa svolta cosmica del Marvel Cinematic Universe (e non a caso Gunn aiuterà i fratelli Russo durante le riprese dei due prossimi Avengers). Sappiamo ancora poco del film, e questo è un gran bene, ma la Marvel è ormai maestra nel confezionare trailer e pubblicità accattivanti col solo scopo di far venire l’acquolina in bocca ai propri fan senza sbottonarsi troppo (sì, la frecciatina a Batman V Superman: Dawn of Justice è proprio questa, ma anche a Spider-Man: Homecoming, con la Sony che pare aver mostrato tutto il film). Forse non ci sarà Iron Man, forse non ritroveremo Captain America, forse ancora Thor e Hulk sono impegnati in un altro scontro ben più brutale. Ma Guardiani della Galassia Vol. 2 ha, di nuovo, tutte le carte in tavola per stupire.

E poi parliamoci chiaro, stavolta c’è pure Sylvester Stallone che, stando alle ultime voci, interpreterà un importantissimo membro dei Nova Corps. E se questo membro si dovesse rivelare Richard Rider, l’indimenticabile Nova dei fumetti, io sarei seriamente a rischio infarto al momento della visione del film…

Guardiani della Galassia Vol. 2, dal 25 aprile nei cinema italiani, diretto da James Gunn. Con Chris Pratt, Zoe Saldana, Vin Diesel, Bradley Cooper, Dave Bautista, Pom Klementieff, Michael Rooker, Karen Gillan, Elizabeth Debicki, Sean Gunn, Glenn Close, Chris Sullivan, e con le partecipazioni straordinarie di Sylvester Stallone e Kurt Russell.



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.