Microtransazioni su Battlefront 2 e massimo storico per il prezzo delle azioni EA

Di Light2021
1 febbraio 2018

Mentre Star Wars: Battlefront II potrebbe non essere riuscito a raggiungere le aspettative iniziali di vendita di EA, ciò non significa che la società soffra in termini finanziari. Il prezzo delle azioni del colosso editoriale ha raggiunto il massimo storico il 31 gennaio, registrando un aumento del 7% rispetto al giorno precedente.

Ciò che avrebbe causato questo entusiasmo economico tra gli investitori, è il fatto che EA preveda un fatturato di $ 5,1 miliardi per il suo anno fiscale che termina il 31 marzo e un profitto di $ 1,015. I massicci franchise sportivi annuali di EA –FIFA, Madden e NHL- dovrebbero tornare più forti che mai quest’anno anche grazie alla Coppa del Mondo.

Inoltre, gli investitori sono stati felici di sapere che le microtransazioni torneranno disponibili su Star Wars: Battlefront II nei prossimi mesi . Le 9 milioni di copie del gioco già spedite rappresentano un’enorme base di installazione per vendite extra con le microtransazioni. Anche se solo una piccolissima percentuale di giocatori spende denaro per le microtransazioni di Battlefront II, ciò potrebbe comportare un aumento delle entrate.

Oltre ai suoi giochi sportivi di ritorno, EA dovrebbe lanciare una nuova partita di Battlefield ad ottobre, un’altra ragione per cui gli investitori potrebbero sentirsi rialzisti. Il nuovo IP di BioWare, Anthem , non arriverà più quest’anno. Vi lasciamo di seguito gli articoli specifici. Battlefield 5, Anthem.

EA non è ovviamente l’unico editore i cui giochi utilizzano microtransazioni. Rockstar Games ha dichiarato di voler avere una qualche forma di “spesa per consumi ricorrenti” in tutti i suoi giochi. Anche i giochi di editori come Ubisoft, Activision Blizzard e Nintendo utilizzano in qualche modo le microtransazioni.



Viene svezzato con una Ps2, cresce con Xbox 360 e finisce per sposarsi con casa Microsoft. Appassionato di manga, anime, videogiochi, non si tira mai indietro.