Sledgehammer Games e il misterioso indizio su Call of Duty

uagna logo call of duty
Di Andrea "Geo" Peroni
2 gennaio 2017

La piega futuristica del franchise di Call of Duty, iniziata in maniera massiccia con Advanced Warfare ma che già si poteva notare nel secondo capitolo della serie Black Ops, non ha soddisfatto pienamente i giocatori. Sia a livello di vendite che di critiche, Infinite Warfare di Infinity Ward è stato infatti un debolissimo capitolo della serie, e in Activision si sta sicuramente discutendo del futuro del franchise e della sua contestualizzazione storica. Un indizio su un possibile ritorno al passato ci arriva oggi da Sledgehammer Games, tramite un misterioso tweet.

Come saprete, Sledgehammer Games sarà la software house incaricata del nuovo capitolo di Call of Duty nel 2017, che presumibilmente arriverà a novembre di quest’anno. Sebbene gli sviluppatori fossero rimasti soddisfatti della risposta del pubblico ad Advanced Warfare e di come questa potesse diventare una buona sub-serie di Call of Duty, le cose potrebbero essere diverse da come pensavamo fino a un paio di anni fa.

Il co-fondatore di SG, Michael Condrey, ha infatti augurato buon Natale e buon 2017 a tutti i suoi fan su Twitter, con un’immagine particolarmente evocativa per i fan di vecchia data della serie: l’oggetto che balza subito all’occhio è ovviamente la Colt M1911. Arma molto conosciuta per la sua costante presenza in alcuni passati titoli della serie, ma che ha ovviamente mancato gli ultimi appuntamenti con il franchise viste le nuove ambientazioni storiche.

Non sappiamo se questo indizio possa riferirsi effettivamente al nuovo Call of Duty del 2017, o se si tratta semplicemente di un augurio da parte del team a tutti i fan di uno dei più conosciuti FPS in circolazione. La cosa avrebbe però un precedente, peraltro all’interno dello stesso franchise: l’anno scorso, infatti, Infinity Ward augurò buon anno con una immagine ambientata nello Spazio, dove effettivamente è ambientato parte di Infinite Warfare. È possibile dunque che Activision abbia abbandonato l’idea di Advanced Warfare 2 per tornare ad un contesto più realistico e storico?

A proposito della possibilità di tornare al passato nella serie di Call of Duty, recentemente anche Josh Olin di Treyarch ha diffuso la sua opinione.



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.