Un utente di Counter Strike è stato bannato a vita!

soldati di counter-strike con logo
Di Sebastiano "Sebax" Lo Presti
11 febbraio 2017

Oramai i ban sui vari giochi che conosciamo sono all’ordine del giorno. Per utilizzo di mod, di trucchi e chi più ne ha più ne metta, sopratutto se parliamo di utenti PC. Questi ban, solitamente, si limitano a bloccare l’accesso dell’account sul gioco o addirittura azzerare le statistiche. Ma la cara Valve ci insegna come punire i giocatori che creano problemi seri ai propri titoli.

L’utente Reece “bloominator” Bloom, giocatore abbastanza famoso dell’universo di Counter Strike, ha ricevuto un ban di 1000 anni, e si avete letto bene, da parte di Valve. Le motivazioni di questa pena sembrerebbero essere collegate a situazioni abbastanza gravi. Infatti pare che il Signor Bloom sia indagato per molestie verso una ragazza di soli 15 anni, per aver diffuso in rete contenuti privati ed espliciti.

Ovviamente sono già arrivate le scuse da parte di Reece Bloom tramite il suo profilo Twitter, ma ciò non basterà a scontare la sua pena sia a livello videoludico, che sopratutto a livello penale.

Fonte



Liceale che ama spendere il proprio tempo libero giocando ad una console. Inizio la mia "carriera" video-ludica alla tenera età di 5 anni, ricevendo per regalo la mia amatissima PlayStation 2. Crescendo mi appassiono a diverse tipologie di videogiochi: Gran Turismo, GTA, Fifa e tanti altri, fino ad arrivare a scoprire una serie di giochi con cui trascorro ancora la maggior parte del tempo: Call Of Duty. Oltre a ciò sono un appassionato di tutto il mondo della fotografia e della tecnologia, e cerco di tenermi aggiornato su tutti i nuovi prodotti in uscita, sopratutto Apple.