[Recensione] WandaVision, Episodio 4

Di Andrea "Geo" Peroni
29 Gennaio 2021

Con un inizio travolgente, WandaVision ci riporta alla realtà – letteralmente – e a quel Marvel Cinematic Universe che è rimasto traumatizzato dagli eventi di Avengers: Infinity War prima e Avengers: Endgame poi. L’asso nella manica resta ancora nelle mani degli sceneggiatori, che a questo giro di boa della serie hanno deciso per un netto cambio di intenzioni, ma le carte, sapientemente tenute nascoste nei primi episodi, vengono finalmente svelate.

WandaVision sposta la sua attenzione sui personaggi secondari, su coloro che ci consentono di vedere Westview da un altro punto di vista e iniziare ad unire i piccoli punti disseminati nel corso della prima parte di stagione. Lo SWORD si mostra per la prima, vera volta al mondo del Marvel Cinematic Universe, e la prima missione che lo vede implicato è esattamente quella che ci aspettavamo: tenere sotto controllo la misteriosa zona nella quale Wanda Maximoff e Visione si trovano, studiandone ogni minimo dettaglio.

Episodio 4 (ancora oggi senza nome) non sancisce solo il ritorno sulle scene di alcuni comprimari del MCU che si ritrovano coinvolti nella missione dello SWORD, come Darcy Lewis (Kat Dennings) e Jimmy Woo (Randall Park), ma anche della svolta narrativa che aspettavamo su Geraldine (Teyonah Parris), il cui collegamento con l’universo narrativo che conosciamo è ben più importante di quanto potessimo pensare – una cosa che però i fan più accaniti avevano già intuito, se non altro dalle numerose notizie che hanno preceduto la messa in onda della serie.

Ciò che questo quarto episodio di WandaVision fa al meglio, oltre a una costruzione esemplare del divenire degli eventi e del loro racconto, è farci seguire alla perfezione quelle che sono state le domande e le risposte a cui lo SWORD è giunto o vuole giungere, che poi sono esattamente le stesse che gli spettatori si sono fatti: perché una sitcom? Cosa è successo a Visione? Chi sono gli abitanti di questa cittadina che sembra costruita sul nulla e più falsa di una banconota da 25€? Wanda è consapevole di ciò che sta accadendo?

Con una notevole sferzata, la prima serie dei Marvel Studios torna sui binari classici della narrazione, ricordando a tutti gli spettatori che i pezzi del puzzle da unire tra loro sono ancora molti. La tela che costituisce WandaVision si è definitivamente riempita di colori, ma è ben lontana dal definirsi conclusa. Con un ritmo serrato e ricco di sostanza, il quarto episodio scorre veloce, rapido, intenso, avvincente. Siamo solo a metà di questa prima (e forse unica) stagione della serie, e siamo sbalorditi dalla qualità messa in gioco dai Marvel Studios per costruire un evento tanto atteso quanto particolare.

Appuntamento alla prossima settimana.



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento