Ancora addii in Ubisoft, il boss di Massive lascia lo studio

Ubisoft Nuovo Logo
Di Andrea "Geo" Peroni
18 Giugno 2021

Non è stato un anno facile per i dirigenti di Ubisoft che hanno dovuto fare i conti con accuse di abuso e cattiva condotta, e nelle ultime ore si è aggiunto un nuovo tassello al turbolento stato dei lavori per il colosso francese

L’amministratore delegato di Ubisoft Massive, David Polfeldt, ha infatti deciso di dimettersi dalla sua carica, anche se è previsto un suo ritorno in Ubisoft nel 2022 con un nuovo ruolo.

Polfeldt, che negli anni ha lavorato a titoli come The Division e il da poco annunciato Avatar: Frontiers of Pandora, oltre che al misterioso progetto legato a Star Wars che non si è però ancora mostrato, lascerà Massive Entertainment dall’1 luglio.

Ubisoft ha informato i dipendenti della partenza di Polfeldt tramite una nota interna. In essa, l’azienda ha spiegato che Polfeldt è “pronto per una nuova sfida” e che dopo sei mesi sabbatici tornerà in Ubisoft in un nuovo “ruolo strategico”. Il sostituto di Polfeldt alla guida di Massive è già stato scelto, ma l’azienda non ha ancora comunicato il nome.

Ubisoft ha confermato la notizia in un comunicato a Kotaku.

Dopo più di 12 anni alla guida di Ubisoft Massive verso un enorme successo, David Polfeldt si prende un breve anno sabbatico prima di tornare in Ubisoft in un nuovo ruolo. Abbiamo già nominato il successore di David e non vediamo l’ora di condividere maggiori dettagli in un secondo momento.

Sebbene Massive Entertainment sia stata al centro di alcune pesanti accuse, come quelle rivolte al direttore della consumer experience Antoine Emond che avrebbe addirittura aggredito sessualmente uno stagista, Polfeldt non è mai stato immischiato in tali casi.

Nonostante ciò, l’ormai ex-AD di Massive ha deciso di lasciare la compagnia, e non si tratta certo dell’unico addio “di peso” per Ubisoft negli ultimi tempi. Lo scorso anno abbiamo infatti assistito all’addio di Serge Hascoet (chief creative officer), Yannis Mallat (capo degli studi canadesi), Cecile Cornet (capo globale delle risorse umane), Ashraf Ismail (director di Assassin’s Creed: Valhalla), per non dimenticare poi Michel Ancel, creatore di Rayman e al lavoro su Beyond Good & Evil 2 per Ubisoft Montpellier, che ha deciso lo scorso settembre di lasciare l’intera industria.

Il mese scorso, inoltre, Charlie Guillemot, co-responsabile dello studio mobile Ubisoft Owlient e figlio del CEO di Ubisoft Yves Guillemot, ha lasciato l’azienda

Fonte



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento