Hollow Knight Silksong: info, trailer, trama e data di uscita

Di Alberto Baldiotti
9 Novembre 2019

Nata all’incirca all’inizio degli anni 2000, la categoria dei metroidvania rappresenta ancora oggi uno dei sotto-generi più apprezzati dal pubblico. Potremmo azzardare di più: nonostante condividano parecchi dettagli con altri generi (uno su tutti il platform), i metroidvania sono riusciti nel corso del tempo ad imporsi come un genere videoludico “a parte”, munito di precisi connotati e in grado di accogliere intere community che si identificano in esso.

Il genere metroidvania sembra prestarsi molto bene ad espressioni artistiche e ad ambientazioni oniriche più o meno lontane nel tempo: basti pensare ad Ori and the Blind Forest, forse l’esempio più idoneo a spiegare quanto appena detto. Nell’ampio catalogo di metroidvania fantasy figura senza dubbio Hollow Knight, sviluppato da Team Cherry e pubblicato su tutte le principali console. Il titolo ha riscosso un successo notevole, e proprio per questo la software house ha ben pensato di svilupparne il seguito: Hollow Knight: Silksong.

La trama del primo Hollow Knight è un’assoluta perla narrativa, in grado di offrire un’atmosfera e un’immersione non frequenti nel mondo dei videogiochi. Per questo motivo desideriamo non riportarvi troppi dettagli, in quanto consigliamo ovviamente di giocarlo prima di tuffarsi nel sequel. Ci limitiamo a dirvi che Hollow Knight: Silksong riprenderà le gesta di Hornet, personaggio che il protagonista Cavaliere ha incontrato nelle sue scorribande del primo capitolo. La principessa-protettrice di Nidosacro si troverà a dover compiere un pericoloso viaggio sino ai vertici del regno, combattendo e risolvendo misteri in varie ambientazioni: grotte muschiose, foreste di coralli e sfavillanti cittadelle sono sotto la minaccia di un male oscuro.

Gli appassionati di metroidvania avranno un’immagine già chiara del gameplay di Hollow Knight: un gameplay che verrà ripreso in tutti i suoi tratti salienti anche in Hollow Knight: Silksong. In buona sostanza siamo di fronte ad un platform a scorrimento orizzontale, con un aspetto visivo in due dimensioni ma con grafiche di sfondo che restituiscono la sensazione di profondità. Il mondo di gioco, come i buoni metroidvania insegnano, non è un “flusso” unico ma è costituito da vari ambienti interconnessi tra loro. Ciò significa che non vi è alcun percorso fisso e prestabilito da seguire, ma tutta l’avventura si sviluppa in una sorta di open-world in 2D.

In ogni ambientazione, la protagonista si troverà a dover combattere con svariate tipologie di mostri e il bestiario è stato rinfoltito per l’occasione: vi saranno oltre 150 nuovi nemici da sconfiggere, tra i quali mostri, cavalieri, cacciatori, assassini ed altri esseri provenienti dall’immaginario fantasy medievale. Ovviamente, per fare ciò Hornet avrà a disposizione skills e strumenti di vario tipo, i primi sbloccabili all’aumentare dell’esperienza, i secondi reperibili dai vari NPC sparsi per il mondo di gioco oppure craftabili dalla stessa protagonista.

E’ facile indurre che il fulcro dell’esperienza offerta da Hollow Knight: Silksong sarà nella frenesia del combattimento. Attenzione, però: come già visto nel primo capitolo (e come sottolineato da svariate recensioni) non siamo di fronte ad una sorta di hack&slash, ma bisognerà sempre prestare attenzione alle strategie da utilizzare per padroneggiare al meglio tutto il sistema di skills e di abilità. In questo modo il titolo lascerà respiro alla trama, donandole la giusta importanza e creando il mix perfetto tra avventura, narrazione e combattimento, proprio come nel primo Hollow Knight.

Hollow Knight: Silksong non ha ancora una data di uscita, dal momento che si trova in fase di sviluppo. Al momento possiamo però ammirare alcuni screenshot pubblicati sul sito ufficiale del gioco, oltre ad un gameplay pubblicato da Nintendo nel corso della Treehouse all’E3: lo potrete visionare qui sotto. Per quanto riguarda le piattaforme, il titolo sarà disponibile su Nintendo Switch e PC Microsoft/Linux/Mac OS; come segnalato nel sito ufficiale il gioco verrà pubblicato attraverso Steam, GOG.com e Humble Store.

Per chi volesse, pubblichiamo qui sotto anche il trailer di annuncio, che presenta un elenco di molte delle nuove feature aggiunte:



Studente universitario e gamer nel tempo libero, la sua passione videoludica non ha confini. Questa passione nasce a 4 anni, quando si ritrova a giocare Doom II su un vecchio computer acquistato dal padre. Appassionato di giochi open-world e GDR, le sue pietre miliari sono le serie di Grand Theft Auto, Fallout e The Elder Scrolls. A fianco di ciò, la tecnologia e lo sport giocano un ruolo fondamentale nei suoi interessi, ed adora restare informato sulle ultime novità nei rispettivi settori.