Home Videogiochi News Doping nei videogiochi – Un giocatore professionista ammette di aver preso farmaci

Doping nei videogiochi – Un giocatore professionista ammette di aver preso farmaci

Sembra che il doping non sia solo un problema degli sport normali, infatti sono emerse da poco delle dichiarazioni di un giocatore professionista di Counter Strike: Global Offensive, che ha ammesso l’uso di farmaci agli eventi eSports.

In particolare il farmaco usato è l’Adderall, un composto di sali di anfetamina, che viene prescritto a pazienti con diagnosi di ADHD, sindrome da deficit di attenzione e iperattività.

Questo farmaco è uno stimolante del sistema nervoso centrale che migliora l’attenzione, la capacità organizzativa e le prestazioni nelle persone che hanno un problema cronico nel mantenere la concentrazione. Tuttavia assunto in maniera non adeguata può causare gravi danni celebrali e psico-cognitivi.

Il giocatore che ne ha ammesso l’uso in un’intervista video con il canale Launders Cstrike, è Kory “Semphis” Friesel che dichiarato: “Non me ne importa niente. Eravamo tutti sotto Adderall. Non me ne frega un c***o. È piuttosto ovvio sentendo le comunicazioni in-game”.

Quindi non solo lui, ma anche “tutti” in generale, compresa la sua squadra, hanno fatto uso di sostanze dopanti per riuscire a vincere le partite negli eventi di Counter Strike, che ricordiamo hanno dei grossi premi in denaro.

Sicuramente dopo queste dichiarazioni, devono essere assolutamente introdotte delle regolamentazioni più severe e controlli mirati negli eSports.

esports-2

Qualche passo in avanti è già stato fatto con un altro problema molto grave, ovvero le scommesse.

Valve infatti ha deciso di regolamentare in parte questa situazione delicata, impedendo ai giocatori professionisti di scommettere sui tornei ufficiali di Counter-Strike: Global Offensive anche se non dovessero prender parte all’evento. Poichè secondo l’azienda americana i pro player, gli organizzatori degli eventi e coloro che fanno parte dello staff hanno informazioni privilegiate sui team, che darebbero dei vantaggi ingiusti nel piazzare una scommessa.

Spiegando, infine, che coloro che decideranno di non osservare queste regole rischiano di danneggiare la propria reputazione, quella del proprio team, della community e potrebbero, inoltre, essere esclusi da qualsiasi evento futuro sponsorizzato da Valve.

Speriamo che questa severità venga applicata per affrontare la minaccia del doping.

Voi cosa ne pensate a riguardo?

Scritto da
Matteo "bovo88" Bovolenta

Appassionato di videogiochi e console di ogni tipo, tecnologia ed informatica. Amante dei manga ed anime giapponesi, e della cultura nipponica in generale. Ha iniziato a videogiocare molto giovane prima con SNES e Game Boy, per poi passare a PlayStation. Da allora ogni genere di gioco lo ha sempre affascinato. Gli piace informarsi e tenere informati su questo fantastico mondo virtuale.

Scrivi un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

7

Mediterranea Inferno | Recensione

Tre ragazzi, il post-pandemia, il desiderio di evasione, la solitudine. Mediterranea Inferno,...

Warren Spector e Ken Levine ricordano l’impatto di System Shock

Il remake di System Shock, realizzato da Nightdive Studios, uscirà finalmente su...

Hades 2 rimarrà in accesso anticipato ancora a lungo, afferma Supergiant Games

Che Hades 2 sia il fenomeno del momento nessuno può negarlo. Il titolo rilasciato...

The Rogue Prince of Persia: gli sviluppatori spiegano lo stile artistico del gioco

Dopo un ottimo inizio di anno garantito da The Lost Crown, con una...

Chi siamo - Contatti - Collabora - Privacy - Uagna.it © 2011-2024 P.I. 02405950425