Dying Light 2, parkour e combattimento – Tutto quello che c’è da sapere

Di giangireds
28 Agosto 2021

Mancano ormai poco più di tre mesi al rilascio di Dying Light 2: Stay Human e, in occasione del gamescom, Techland ha realizzato il terzo episodio di Dying 2 Know, la serie in cui gli sviluppatori aggiornano i fan in maniera diretta, attraverso gameplay esclusivi, interviste al team e molto altro ancora. Vediamo assieme le cose più importanti che sono state mostrate.

Come muoversi a Villedor

Secondo Smektala, game designer di Dying Light, è estremamente difficile muoversi all’interno della città, poiché le intere strade sono state oramai conquistate dagli infetti. L’unico modo è quello di dare sfogo alla propria fantasia scalando gli edifici e saltando i diversi ostacoli che si presenteranno davanti. Questa, secondo lo sviluppatore, è la miglior opzione per esplorare il mondo di Dying Light 2.

Parkour e creative combat

Secondo Kowalczuk, senior game programmer, persino le più alte strutture non saranno più un ostacolo ma uno strumento utile per fare parkour in Dying Light 2. Le meccaniche di parkour non saranno le stesse del primo capitolo, ma sono state ricostruite da zero prendendo di buono tutto quel che Dying Light 1 aveva lasciato. Grazie a centinaia di nuove animazioni, il giocatore sarà “quasi in grado di sentire fisicamente ogni movimento mentre si scalano gli edifici”. Il sistema di parkour, oltre a essere estremamente efficace per muoversi tra le strade della città, risulta un mezzo fortemente valido per combattere i nemici, infetti e non.

Pensiamo di aver creato un qualcosa di speciale e non vediamo l’ora di osservare come i giocatori reagiranno a tutto ciò”. Matt Courtois, colui che si è occupato delle animazioni in Dying Light 2, consiglia ai giocatori di mescolare il parkour al combattimento, di essere il più creativi possibile, perché il titolo è stato sviluppato in maniera tale da rendere possibile la sopravvivenza solo a coloro che riescono a sfruttare gli elementi ambientali e le meccaniche del parkour.

Sono state utilizzate oltre 3.000 animazioni per rendere il movimento fluido e permettere l’uso di dozzine di abilità che possono essere combinate tra di loro: in questo modo, ognuno potrà avere il proprio stile di gioco.

Musial, il designer delle armi in Dying Light 2, ci spiega come oramai, essendo l’apocalisse iniziata da diverso tempo, non ci sia più niente da rubare nei negozi, e quindi le armi vanno create con ciò che si trova. Questo è il motivo per cui le circa 200 armi presenti in game hanno tutte una storia e, solo guardandole, si può capire da dove, chi le ha create, abbia recuperato i pezzi: in un museo, in un negozio militare, in una discarica… Insomma, a Villedor ogni oggetto è buono per cercare di sopravvivere. Inoltre, a partire dalla forma base dell’arma, si potranno effettuare delle modifiche per migliorare sia l’aspetto difensivo che l’aspetto offensivo.

Scegliere la propria strada

In Dying Light 2 saranno presenti tre fazioni:

  • I surivors, dei sopravvissuti in grado di adattarsi a ogni circostanza e in ogni luogo.
  • I peacekeepers (“pacificatori”), dei soldati fortemente legati alla giustizia, che faranno di tutto per far rispettare la legge, o quel che ne rimane, a Villedor.
  • I renegades, ex prigionieri violenti con un solo scopo: uccidere e far soffrire.

Lo sviluppo della storia e il modo in cui si affrontano le missioni saranno influenzati dalla fazione che si sceglierà di supportare: ad esempio, i sopravvissuti preferiscono sfruttare molto i tetti per evitare i pericoli che si celano tra le strade della città. In questo senso, potranno fornire al giocatore strumenti utili al parkour come trampolini e ammortizzatori per facilitare la caduta da grandi altezze. I peacekeepers, invece, preferiscono restare in strada e sfruttare gli elementi di questa per superare gli infetti.

Gli sviluppatori hanno infine deciso di lasciare tutto il resto ai giocatori: nel mondo di Dying Light 2 ci saranno easter egg, armi speciali, incontri particolari e altre chicche tutte da scoprire. In caso foste interessati, vi lasciamo di seguito il video del terzo episodio di Dying 2 Know.

Dying Light 2 Stay Human - Playstation 5
  • Il virus ha vinto. La civiltà è precipitata di nuovo in un oscuro Medioevo. La città, uno degli ultimi insediamenti umani, è sull'orlo della distruzione.
  • Usa agilità e abilità per sopravvivere e dare una nuova forma al mondo. Le tue scelte sono importanti.



Abbiamo parlato di: |

Ciao! Sono un ragazzo di 21 anni e nel tempo libero mi piace ascoltare un po' di musica, guardare film e serie tv, andare in palestra, scrivere e videogiocare... Passioni abbastanza semplici, no? 😊




Scrivi un commento