FIFA 15 dichiara guerra agli Youtubers

Di Federico "Blue" Marchetti
15 Ottobre 2014

Non stavamo scherzando quest’estate quando vi abbiamo annunciato che Electronic Arts stava prendendo provvedimenti contro chi avrebbe utilizzato siti di terze parti per acquistare crediti da utilizzare nella modalità “Fifa Ultimate Team“. L’azienda canadese non vuole farsi scappare di mano questo business e ha fatto sapere che sono già stati individuati e segnalati migliaia di account dall’uscita di FIFA 15. Leggi qui cosa può succedere ai trasgressori di FIFA.

copyright-politica-della-nintendo

Un Amministratore (EA_Rowrec) del forum ufficiale di EA ha ricordato proprio nella giornata di oggi che anche chi sponsorizza siti web che vendono crediti va contro i termini di servizio di Electronic Arts. L’Amministratore fa esplicito riferimento a chi realizza video su FIFA promuovendo i suddetti siti internet, invitando tutti gli spettatori a segnalare i trasgressori.

Non è affatto casuale il riferimento ai video. Infatti negli ultimi mesi si sta assistendo ad una pratica molto comune: i siti web che vendono i crediti per “Fifa Ultimate Team” contattano gli Youtubers che trattano videogame proponendogli crediti fifa gratis in cambio di pubblicità nei loro video. Chi ha accettato e accetterà la proposta non potrà lamentarsi se un domani si ritroverà l’account bloccato sulla sua piattaforma di gioco (Xbox live, Playstation Network od Origin)

Pericolo che non correrà Mr.Black. Sul canale ufficiale di Uagna ha recentemente realizzato il suo primo spacchettamento FIFA 15 senza ricorrere ai siti di terze parti:

Suggeriamo a chi realizza video di FIFA di fare attenzione e attenersi alle policy di EA. Restate su Uagna per nuovi aggiornamenti in merito.



Press play on tape: cresciuto a suon di C64 e Coin-op, mi diverto a seguire l'evoluzione videoludica next-gen. Co-Founder dell'universo Uagna, ho lavorato a fondo per far nascere una community videoludica di successo ma differente dalle altre esistenti. "Sono sempre pronto ad imparare, non sempre a lasciare che mi insegnino".