Mario Auditore – Assassin’s Creed: Brotherhood

Di Filippo Giaccaglia
21 Dicembre 2011
Mario Auditore 
Dati
Nascita: 1434
Professione:  Condottiero, Nobile
Giochi:   Assassin’s Creed II
Assassin’s Creed: Brotherhood

 

Mario Auditore, uno tra i più importanti condottieri operanti nella campagna toscana, era un leader nato. La sua carriera militare prese il via ad appena sei anni, quando giocò un ruolo significativo nel corso della battaglia di Anghiari nel conflitto tra Firenze e Milano: si trovava ad accompagnare il padre in una spedizione a Monterchi, quando avviso il generale fiorentino Micheletto Attendolo del fatto che si vedevano alcune nubi di polvere sulla strada, segno che le truppe di Milano avevano sferrato un attacco a sorpresa. Grazie a Mario, l’attacco dei milanesi fu sventato e Firenze vinse la battaglia.

Sebbene Anghiari Mario si fosse alleato con Firenze, per la maggior parte della carriera difese gli interessi della sua città natale, Monteriggioni, contrastando le mire espansionistiche della stessa Firenze in Toscana.

Quando suo fratello minore Giovanni si trasferì a Firenze nel 1454 per intraprendere la carriera bancaria, Mario rimase nella villa di famiglia a Monteriggioni, scrivendo in una lettera indirizzata al fratello che preferiva “combattere da uomo piuttosto che contare denari altrui”.

Dopo la morte del fratello, Mario accolse Ezio, Claudia e Maria nella villa di famiglia, istruendo Ezio sul conflitto tra assassini e i Templari. Da quel momento, Ezio e suo zio diventarono inseparabili.



Dicono che sono un sognatore e che dovrei pensare a crescere di più. Dicono che non avrò mai una famiglia e che non metterò mai la testa a posto. Ma io me ne frego. Sono contento di essere il bambino "grande" con una famiglia di 500 mila nipotini.