Lo streamer Summit1g si scaglia contro Warzone e lo definisce “il peggior battle royale”

Di Andrea "Geo" Peroni
12 Maggio 2020

Call of Duty: Warzone ha riscosso un successo planetario da quando a marzo Activision ha lanciato il gioco sia in versione standalone che come parte di Modern Warfare, ma non tutti apprezzano ciò che gli sviluppatori hanno realizzato.

Parliamo di un videogioco che ha da poco superato i 60 milioni di giocatori in appena due mesi, numeri da capogiro che sono stati evidenziati da Activision stessa nel corso dell’ultimo report finanziario con gli investitori.

È però naturale che tra questi 60 milioni di giocatori ci siano anche utenti che non hanno apprezzato Warzone. Tra questi, c’è la testimonianza dello streamer Summit1g, che nel pieno di una live streaming su Twitch e di un rage moment a seguito di una partita finita tragicamente, non ha usato mezzi termini per parlare di Call of Duty: Warzone: per lui, si tratta del peggior battle royale in circolazione.

Lo streamer si è infatti scagliato contro gli sviluppatori di Warzone, che secondo lui hanno creato una mappa troppo grande ed eccessivamente sviluppata su strutture verticali come palazzi e grattacieli, che non fanno altro che aumentare un fenomeno già particolarmente problematico per Call of Duty: i camper.

Summit1g, che era stato appena eliminato da un giocatore appostato su un palazzo, si è lasciato andare a parecchie focose dichiarazioni nei confronti di Warzone, un battle royale a suo dire mal studiato e che privilegia eccessivamente i camper, lasciando la libertà ai giocatori di appostarsi sui tetti degli edifici e di restarci anche per l’intera durata della partita.

Come potete vedere dalla clip qui sotto, il suo intervento inizia con una breve frase che riassume interamente il suo pensiero:

Credo che Call of Duty: Warzone sia il peggior battle royale esistente.

Cosa ne pensate di queste dichiarazioni?

Clip di Summit1g da Twitch

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale


Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento