Nintendo nell’occhio del ciclone, un attacco hacker compromette la sicurezza

Di Andrea "Geo" Peroni
4 Maggio 2020

La Grande N è finita nel mirino di un gruppo di hacker, che sta mettendo seriamente a rischio la sicurezza dei sistemi.

Appena una settimana fa, Nintendo e la parola hacker avevano caratterizzato insieme le cronache a causa di un leak su Pokémon Argento e Pokémon Oro, con centinaia di sprite delle creature che erano finite in rete.

Nelle ultime ore, è successo davvero di tutto in casa Nintendo, perché un nuovo attacco hacker ha messo a dura prova la sicurezza dei sistemi della compagnia. La maggior parte delle informazioni trapelate, leak che hanno fatto il giro del mondo partendo dal noto forum ResetEra, riguarda una delle console più riuscite dell’azienda e della storia videoludica intera, Nintendo Wii.

Il gruppo hacker ha attaccato i server di BroadOn, una società che collaborò agli inizi degli anni 2000 per progettare hardware e software proprio per la console Wii. L’attacco ha dato i suoi frutti, perché sul forum sono finite preziosissime informazioni come il codice sorgente di Wii e l’esatta composizione di ogni sua componente.

Gli hacker non si sono fermati solamente a Wii, ma hanno invece ottenuto e diffuso informazioni su molte altre piattaforme della grande N, tra cui Nintendo 64, GameCube e la famiglia di console portatili di Nintendo DS, che comprende anche i vari restyling e riedizioni come DSi.

Non è un momento certo facile per le grandi industrie dell’intrattenimento videoludico, che nelle ultime settimane stanno avendo a che fare con attacchi hacker molto importanti. Basti pensare ai leak di The Last of Us: Part II, causati proprio da un attacco hacker ai anni di Sony.

Fonte

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento