Rainbow Six Siege prende spunto da Fortnite e Apex: verrà introdotto un Pass Battaglia

Di Andrea "Geo" Peroni
18 Agosto 2019

Nel corso del reveal della nuova Operation Ember Rise, Ubisoft ha svelato l’introduzione di un Pass Battaglia per Rainbow Six: Siege che arriverà nel prossimo futuro.

Così facendo, gli sviluppatori prendono spunto da vari colossi del momento come Fortnite e Apex Legends, che già da tempo usufruiscono di questo sistema di progressione.

Il Pass Battaglia di Rainbow Six: Siege seguirà le medesime modalità degli altri videogiochi nei quali è presente. Esso servirà infatti come sistema di progressione per il giocatore per sbloccare skin, personalizzazioni cosmetiche e così via. Nulla, naturalmente, che andrà ad intaccare il gameplay.

Il primo pass sarà introdotto in due fasi, in Ember Rise. La prima avrà una durata di 7 giorni, e stando alle prime indicazioni sarà una sorta di banco di prova da parte degli sviluppatori per testarne l’efficacia. A fine anno, invece, verrà introdotto il vero e proprio Pass Battaglia testato con il primo, il cui nome sarà Call Me Harry.

Nel video di annuncio del nuovo contenuto, Alexander Karpazis ha dichiarato

Le nostre intenzioni sono quelle di premiare i giocatori più che mai nel nostro gioco, e anche di fornire una progressione che possano visualizzare ogni volta che stanno giocando.

A differenza degli altri pass battaglia, però, quello di Rainbow Six: Siege sembra non sarà legato a sfide in particolare. L’unico e semplice modo per ottenere punti e scalare il pass per ricavare le ricompense sarà giocare: ad ogni partita vi saranno dati alcuni punti, che utilizzerete per scalare la classifica del pass.

Karpazis ha affermato di voler condividere nuovi contenuti in arrivo, ma tutto è rimandato al Six Invitational 2020 che si terrà all’inizio del prossimo anno. Nel frattempo, però, potremo presto godere della nuova Operation Ember Rise, che introdurrà due operatori inediti e una rivisitazione della mappa Kanal.

Fonte



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.