Sony stacca la spina a Killzone Mercenary, i server su PS Vita sono stati chiusi

Di Andrea "Geo" Peroni
31 Maggio 2020

31 maggio 2020, una data che i giocatori di Killzone Mercenary ricorderanno in futuro molto bene, perché è il giorno del definitivo addio al titolo.

Senza troppi preavvisi, o meglio senza alcun preavviso, Sony ha staccato la spina ai server di Killzone Mercenary, rendendo quindi completamente inutilizzabile la modalità multiplayer del gioco.

Una scelta dettata probabilmente da una politica di tagli agli sprechi, se così volessimo chiamarla. Sebbene una community di Killzone Mercenary continuasse a organizzare puntualmente sessioni di gioco online, come dimostrano alcuni forum in tutto il mondo, i numeri registrati erano evidentemente talmente bassi da non giustificare una prosecuzione della vita dei server di gioco, specialmente ora che Sony è impegnata a spendere forze ed energie sulla promozione di PS5 in arrivo a fine anno.

uagna ps vita

Per coloro che scaricheranno il gioco, ad ogni modo, resta disponibile la modalità single player, con una campagna ambientata narrativamente tra il secondo e il terzo capitolo della serie.

Lanciato su PlayStation Vita nel 2013, Killzone Mercenary, sviluppato dalla defunta Guerrilla Cambridge, è stato forse l’ultima grande esclusiva per la piccola console di casa Sony, e lo sparatutto in prima persona più riuscito. Tra i pochi prodotti first party a riuscire a dare davvero risalto a PS Vita, Mercenary rappresenta per molti il simbolo di ciò che la console era in grado di offrire, ma che non è mai stata in grado di mantenere.

Avete mai giocato a Killzone Mercenary? Cosa ne pensate del gioco?

Fonte

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale


Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento