Ubisoft in tribunale: denunce agli autori degli attacchi DDoS di Rainbow Six Siege

Di Andrea "Geo" Peroni
19 Gennaio 2020

Una delle piaghe più discusse di sempre della storia di Rainbow Six: Siege è sicuramente quella relativa agli attacchi DDoS, che rovinano e non poco l’esperienza di gioco.

Un attacco DDoS, per chi non lo sapesse, è un disservizio relativamente semplice da eseguire e che porta alla disabilitazione delle funzionalità online a causa di un sovraccarico nella domanda. Dall’inglese Distributed Denial of Service, gli attacchi DDoS si basano appunto su un continuo invio di una domanda e di informazioni a più punti della rete, innescando un malfunzionamento generale che, nel caso di un videogioco, può portare al beneficio di altri.

Con Rainbow Six: Siege, il popolare sparatutto tattico di Ubisoft, la pratica degli attacchi DDoS si è purtroppo diffusa e amplificata negli ultimi anni, tanto da arrivare a rovinare malamente l’esperienza di gioco. Il colosso francese, non insensibile di fronte a questo problema e al malcontento generale degli utenti, aveva già avviato lo scorso autunno una serie di nuove feature per limitare il fenomeno, ma oggi la questione si fa decisamente più seria.

Offerta
Tom Clancy's Rainbow Six Siege - PlayStation 4
  • Piattaforma: PlayStation 4
  • Versione lingua: italiano

Polygon ha infatti riportato la drastica decisione di Ubisoft, decisa a passare per vie legali per iniziare ad arginare il problema. In particolare, gli avvocati del colosso dell’intrattenimento sono stati infatti incaricati di denunciare e intentare una causa contro il sito web SNG.ONE, che si è scoperto essere un gruppo di hacker che in cambio di denaro – si parla di veri e propri abbonamenti che arrivano fino a 300$ – pianificava, organizzava ed eseguiva attacchi DDoS ai server di Rainbow Six: Siege rendendo inopportuna l’esperienza di gioco e sovraccaricando i server. Lo stesso gruppo di hacker non si sarebbe limitato a R6 Siege, avendo tra la propria “offerta” la possibilità di eseguire sovraccarichi anche su The Crew e The Division 2, sempre di proprietà di Ubisoft.

Naturalmente, una volta scoperti i responsabili di questo portale e delle attività eseguite sui server di gioco, Ubisoft non ci ha pensato due volte prima di procedere per vie legali, e di portare il sito in questione al completo in tribunale. Non possiamo sapere ovviamente come andrà a finire la cosa, ma è chiaro che gli autori degli attacchi DDoS non avranno vita facile considerando che si parla di azioni illegali effettuate contro Ubisoft e i giocatori.

Nel nostro piccolo, non ci resta che fare i complimenti a Ubisoft per la decisione e sperare che la faccenda finalmente si risolva nel verso giusto.

Fonte



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.