Six Major agosto 2020: recap del mini major nord americano

Di Mark
16 Agosto 2020

Inizia finalmente anche il Six Major americano con quattro squadre incredibili a darsi battaglia per questo prestigioso titolo. Andiamo a vedere, però, chi sono le contendenti per questo mini major.

Il formato particolare della North America League ha portato a scontrarsi due gironi da quattro squadre che hanno dato vita ad altri due gironi in cui: le prime tre del girone dei vincitori si sono direttamente qualificate per il Major mentre la quarta, insieme alle prime due del girone dei perdenti, ha dato vita ad un triangolare in cui c’era in ballo l’ultima chiamata per la qualificazione e 115 punti per il Six Invitational. Ad avere la meglio in questa qualificazione sono stati i DarkZero un team che ha avuto vita facile nel girone iniziale vincendo ben 2 partite su 2 (tutte best of 3) per poi andare a fare l’esatto contrario nel girone dei vincitori, uno 0-2 che li ha relegati in un pesante quarto posto con l’etichetta fastidiosissima di underdog del torneo. Al terzo posto del girone dei vincitori una sorpresa gradita: Oxygen Esports. Anche loro escono immacolati dal proprio girone, il girone A sopra e, pur con una sconfitta in più dei DZ, si accaparrano il terzo posto nel girone dei vincitori evitando per un soffio il qualifier. Secondo posto per i Team SoloMid, Beaulo e compagni sono stati capaci di fare in entrambe le fasi del campionato due vittorie ed una sconfitta mettendosi, nel girone B sotto i DarkZero, mentre nel girone dei vincitori sotto gli Spacestation Gaming che affrontano entrambi i gironi con tranquillità, come previsto, e si portano a casa il primo posto in quello della “seconda fase”.

Al via le ostilità, parte ufficialmente il Major americano con Spacestation GamingDarkZero faccia a faccia. Il primissimo scontro di questa Bo3 è in Consolato, una partita estremamente equilibrata e combattuta che sfiora i supplementari ma finisce a favore degli ex campioni del mondo che riescono a mettere la freccia passando in difesa vincendo 7-5. Ribaltamento completo delle sorti in Clubhouse con i DZ che concedono solo due round agli avversari annichilendoli in entrambe le fasi di gioco. Si passa a Kafé Dostoyevsky dove gli attesi underdog ribaltano completamente la situazione e dopo aver concluso la prima frazione sul 3-3 non concedono nemmeno un round e vanno a prendersi la upper bracket in attesa del secondo match.

Secondo match tra Team SoloMiD ed Oxygen Esports inizia con Oregon e sono proprio i TSM a prendere in mano il timone del match in modo alquanto semplice realizzando un 7-3 e assicurandosi la prima mappa. Anche in questa best of 3 si passa per Clubhouse e la sostanza del match non cambia, anzi, Beaulo e compagni fanno letteralmente quello che vogliono e vincono nettamente per 7-1 andando a prenotare un posto contro i DZ in upper bracket. Quattro round in due partite è un pessimo bottino per gli Oxygen che sono chiamati all’impresa nel prossimo match.

Come da regolamento, dunque, il cammino delle due sconfitte non è ancora finito, ci si gioca l’accesso alla finale della lower bracket. La prima mappa vede le due parti accendere la sfida in Villa. Scontro accesissimo che si trascina fino ai supplementari dove gli SSG ribaltano l’iniziale 5-1 avversario in un 5-1 nei successivi sei round vincendo poi 8-6. Durante la seconda mappa, Consolato, gli Oxygen riescono a rimettere in discussione la superiorità degli avversari e ottengono un 7-5 rimettendo il giudizio alla decider. Si passa a Costa, dunque, dove gli Spacestation si giocano il tutto per tutto e con un 7-5, stavolta in loro favore si prendono il complessivo 2-1 e procedono nella competizione.

Saranno DarkZero e Team SoloMid dunque a giocarsi l’ingresso alla finale del Major dalla porta principale: chi vince avanza in finale con un mappa di vantaggio, per chi perde, gli Spacestation Gaming per rigiocarsi la finale. Hyper dominante nelle prime fasi di gioco con i DarkZero che prendono il largo facilmente e non lasciano nulla al caso. La prima mappa, Consolato, finisce 7-4 in loro favore e il meglio deve ancora venire. È infatti su Clubhouse che la partita si chiude in modo perentorio: i TSM conquistano solo il primo round perdendone poi ben 7 di fila e venendo sbattuti violentemente in lower bracket dalla squadra ultima posizionata nel girone dei vincenti.

Si decide l’accesso alla finale quindi tra le squadre che hanno chiuso in prima e seconda posizione il girone nord americano dell’ultima Pro League targata ESL. Si inizia con Parco Divertimenti dove la serata non fortunata dei TSM sembra poter anche peggio di quanto già non stia andando: gli SSG dominano e vincono 7-4. La seconda mappa è Villa e sembra incanalarsi inizialmente sulla stessa strada della prima ma si accende Beaulo, autore di una prestazione molto sotto tono rispetto alle sue capacità, impedendo i festeggiamenti avversari e rimandando anche qui il verdetto alla decider, Costa. La fiamma di Beaulo in questa mappa diventa un’esplosione violentissima che travolge gli SSG: chiude la partita con un impressionante ace che manda a casa gli astronauti ed un rateo, in questa serie, di 1.37.

Arriva il momento della finalissima: DarkZero, eroi inaspettati di questo Major, arrivano in finale con una mappa di vantaggio ai danni dei TSM già battuti nella finale dell’upper bracket. Il primo scontro ha luogo in Russia, in Kafé Dostoyevsky dove i DarkZero danno impressione di voler lasciare da dove hanno ripreso e con un sostanzioso 7-4 che li porta ad una mappa dal titolo. Ecl9pse e compagni continuano a macinare gli avversari anche in Oregon arrivando al matchpoint con i primi 6 round. Beaulo vince un primo round prendendo i suoi per  capelli con un clutch 1v2 ma è tutto inutile perché la seconda mappa finirà 7-2 con i DZ che si laureano campioni del Nord America.

Classifica finale NAL

  1.  DarkZero 285 pt S.I. $62.500
  2.  Team SoloMid 165 pt S.I. $31.250
  3. Spacestation Gaming 105 pt S.I. $18.750
  4. Oxygen Esports 50pt S.I. $12.500

Questa top 4 ha già ottenuto 225 punti S.I. per aver raggiunto il Major.

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale


Abbiamo parlato di:

Io mi chiamo Marco, ho 20 anni e vivo a Pordenone, nella mia città natale. Attualmente sono uno studente della facoltà di Scienze politiche, relazioni internazionali e diritti umani ma quando non studio continuo a coltivare la mia passione per il mondo dei videogiochi, passione che ho sin da piccolo




Scrivi un commento