Skull & Bones è in sviluppo da 8 anni ed è stato un disastro, ma c’è ancora fiducia

Di Andrea "Geo" Peroni
21 Luglio 2021

In un lungo report di Kotaku, gli sviluppatori di Skull & Bones si levano indirettamente qualche sassolino dalla scarpa, parlando di quelli che sono stati gli ultimi travagliatissimi anni di sviluppo del gioco Ubisoft.

Presentato originariamente nel 2017, Skull and Bones è stato tante cose. Dapprima era stato pianificato come un’espansione multiplayer di Assassin’s Creed IV: Black Flag, il primo gioco della serie a fare massiccio uso delle battaglie navali. Sulla scia del successo, Ubisoft decise di trasformare il concept in un gioco open world nuovo di zecca, tramutandolo poi nuovamente in un titolo multiplayer basato su sessioni di deathmatch.

Il problema dietro a Skull & Bones, a detta del lungo report di Kotaku, ha un colpevole principale: la pessima gestione. Il gioco, secondo gli sviluppatori, non ha mai funzionato come sperato, e che è stato tra le mani di troppe persone con visioni differenti. Skull and Bones è stato schiacciato dal peso delle aspettative ed è stato azzerato e rebootato più volte nel corso di questi 8 lunghi anni di sviluppo, che sono costati duro lavoro e non poco crunch al team. L’ultima notizia ufficiale risale a esattamente un anno fa, quando Ubisoft Singapore dichiarò che lo sviluppo era ripartito da zero ancora una volta e che il titolo piratesco sarebbe stato influenzato fortemente da Fortnite.

Secondo il report, ogni volta che l’IP cambiava strada da percorrere, tutto doveva essere ricostruito da zero, dal design alla direzione artistica passando ovviamente per le ambientazioni. Sono stati creati innumerevoli prototipi e concept, e nulla di tutto questo si è mai concretizzato. Addirittura, sembra che gli unici gameplay che siano mai stati mostrati di Skull & Bones, l’ultimo dei quali risalente all’E3 2018, sono rappresentazioni di un gioco che, sostanzialmente, non esiste più.

Tra le fonti di ispirazione di alcuni dei concept, oltre ovviamente ad Assassin’s Creed, il report cita anche il sistema di esplorazione e gameplay di The Division, altra celebre serie Ubisoft. A quanto sembra, però, anche tale idea è stata scartata nel corso degli anni.

“Ogni volta che ricevevamo feedback da Parigi, andavano fuori di testa e cambiavano tutto, e poi cambiavano le persone che ci lavoravano, e questo è successo più volte”, ha detto un ex-sviluppatore a Kotaku.

Come se non bastasse, l’ambiente di lavoro di Ubisoft Singapore non è stato tra i più piacevoli secondo gli ex-sviluppatori intervistati, che denunciano il comportamento dei responsabili. Questi sarebbero tra i principali responsabili dei problemi del gioco:

La cultura tossica che permea lo studio di Singapore è in gran parte responsabile della maggior parte dei problemi di produzione – reboot, rebrand e re-reboot – che hanno afflitto Skull & Bones per un decennio.

Nonostante tutti questi problemi, comunque, il report ribadisce che Ubisoft è ancora determinata a far uscire Skull and Bones, anche se non è ancora chiaro come e quando accadrà. Stando alle ultimissime informazioni, il gioco è stato testato nella versione Alpha e che, per ora, tutto stia procedendo secondo i piani:

Il team di Skull & Bones è orgoglioso del lavoro svolto sul progetto dal loro ultimo aggiornamento con la produzione che ha appena superato l’Alpha, e sono entusiasti di condividere maggiori dettagli quando sarà il momento giusto. Detto questo, qualsiasi speculazione infondata sul il gioco o le decisioni prese funzionano solo per demoralizzare la squadra che sta lavorando molto duramente per sviluppare un nuovo franchise ambizioso che sia all’altezza delle aspettative dei nostri giocatori.

Uno sviluppatore che sta attualmente lavorando al titolo ha descritto Skull and Bones come una produzione “troppo grande per fallire”. A ogni modo, un’IP con una storia travagliata come quella del gioco in questione, non avrebbe avuto alcun futuro in altre aziende. Un ex-sviluppatore ha infatti confidato il suo pensiero, secondo cui se Skull & Bones fosse stato in produzione presso un altro editore, sarebbe già stato cancellato da tempo.

Attualmente previsto per un generico 2022, Skull & Bones è stato descritto come un vero e proprio incubo per molti del team di sviluppo, e speriamo che il tutto si possa risolvere per il meglio.

Fonte



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento