Spyro: Enter the Dragonfly, un gruppo di fan sta realizzando uno splendido remake

Di Andrea "Geo" Peroni
9 Dicembre 2021

Sebbene non ci siano più stati annunci in questo senso (e non ne arriveranno neppure ai Game Awards di questa notte, con Activision estromessa dalla serata a causa delle polemiche che l’hanno investita negli ultimi mesi), sembra certo che un qualche studio del gigante americano si stia occupando di Spyro 4, seguendo l’ottimo successo della Reignited Trilogy.

In attesa di notizie ufficiali, però, un gruppo di irriducibili fan si è lanciato in un progetto molto interessante e che, a un primo sguardo, potrebbe stupire: il remake di Spyro: Enter the Dragonfly.

Secondo le indiscrezioni che circolano sul web ormai da più di un anno, Beenox, software house che si è occupata di Crash Team Racing: Nitro Fueled, è al lavoro sull’inedito Spyro 4, che proprio come Crash Bandicoot 4: It’s About Time proseguirà la serie classica del draghetto viola e rappresenterà un’avventura tutta nuova. Gli insider sostengono infatti che il nuovo gioco sarà totalmente inedito, e che quindi lo studio non andrà a restaurare titoli del passato.

Come nel caso di Crash però, un quarto capitolo di Spyro esiste già da tempo – anche se probabilmente sarà “decanonizzato” al pari di The Wrath of Cortex. Parliamo di Spyro: Enter the Dragonfly, anche conosciuto come Spyro 4: Enter the Dragonfly, titolo sviluppato da Equinox Digital e pubblicato nel 2002 su PS2 e GameCube, che si poneva come successore della trilogia originale di Insomniac Games riscuotendo però scarso successo alle vendite e una disastrosa risposta da parte della critica che affossò il gioco.

Sebbene il gioco rispettasse in larga parte i canoni stilistici della trilogia classica, l’originale Spyro 4 aveva numerosi problemi di natura tecnica, ed ecco quindi che proprio da qui nasce il progetto fan remake del titolo.

Un gruppo di appassionati si è infatti imbarcato in una bella impresa, quella cioè di sviluppare un remake di Spyro: Enter the Dragonfly sfruttando l’engine e gli asset di Spyro Reignited Trilogy. Il lavoro è tutt’altro che banale o pigro, anche perché pur riutilizzando gli asset della remastered, il piccolo team di sviluppatori è intervenuto cambiando in alcuni casi le skin o le texture degli NPC, in modo tale da rendere questo fan remake il più simile possibile al gioco originale. Potete dare uno sguardo al risultato nel video qui sotto, dello youtuber CanadianGuy.

In Spyro: Enter the Dragonfly, ambientato dopo i fatti di Year of the Dragon, il rito di iniziazione dei giovani draghi viene funestato dal redivivo Ripto, che torna in scena e rapisce tutte le libellule che di lì a poco sarebbero state assegnate ai draghi. Il compito di Spyro era quindi quello di ritrovare tutte le libellule e fermare ancora una volta Ripto.

La principale novità del gioco riguardava il soffio infuocato di Spyro, che poteva essere “potenziato” e trasformato in vari elementi come ad esempio il soffio elettrico e il soffio-bolla.




Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento