elon musk twitter
Home Web Le nuove (e folli) regole di Elon Musk per Twitter: chi non paga vedrà meno post

Le nuove (e folli) regole di Elon Musk per Twitter: chi non paga vedrà meno post

Da quando Elon Musk è diventato proprietario di Twitter, il social network ha subito diversi cambiamenti ed evoluzioni, talvolta al limite della credibilità. La mossa di oggi, in tal senso, ha già fatto nascere moltissime discussioni.

Il proprietario di Tesla ha introdotto molte novità su Twitter negli ultimi mesi, stravolgendo ad esempio il sistema di verifica degli account. Ricorderete certamente la famosa disputa tra spunte blu e gialle, con un sistema di verifica che è ora divenuto a pagamento per, parola di Musk, aumentare la sicurezza sulla piattaforma e prevenire la nascita di account fake o bot che potrebbero rovinare il mondo social.

Nella giornata di oggi è poi arrivato un nuovo capitolo della storia tra Musk e Twitter, che ha deciso di applicare pesanti restrizioni per quanto riguarda la visibilità dei post.

Lo stesso proprietario della piattaforma ha diffuso un tweet nel quale spiega che, sebbene momentaneamente, gli account non verificati potranno visualizzare solamente 600 post al giorno. Le restrizioni sono ancor più proibitive per i nuovi account non verificati (anche se non viene spiegato il limite di tempo), che potranno vedere solo 300 post.

Musk spiega che “per affrontare i livelli estremi di data scraping e manipolazione del sistema”, la piattaforma ha deciso di limitare la visibilità da parte degli utenti:

  • Gli account verificati sono limitati alla lettura di 6000 post al giorno
  • Account non verificati potranno vedere fino a 600 post al giorno
  • I nuovi account non verificati sono invece limitati a 300 al giorno

La misura, come detto, sembra essere solamente temporanea, ma la decisione lascia comunque molto a desiderare. Nel frattempo, proprio su Twitter, il post di Musk è stato preso di mira dagli utenti, che stanno prendendo in giro il miliardario e le sue folli idee per la piattaforma social.

Scritto da
Andrea "Geo" Peroni

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.

Scrivi un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Sony è pronta a lanciare la sua stablecoin, anche per promuovere PlayStation

Sony Bank, il ramo bancario del conglomerato giapponese di giochi e intrattenimento,...

Telegram

Spagna, stangata clamorosa: Telegram bannato per le violazioni di copyright

La notizia che arriva dalla Spagna è davvero clamorosa: il governo ha...

Apple accusata da Spotify, interviene l’UE

Apple oltre alla multa di 2 milioni di dollari, riceve delle accuse...

LinkedIn si prepara ad accogliere i giochi: rivelati i primi tre in arrivo

LinkedIn è un social media professionale, chi si sarebbe mai aspettato che...

Chi siamo - Contatti - Collabora - Privacy - Uagna.it © 2011-2024 P.I. 02405950425