Home Web Su X aumentano i contenuti antisemiti, gli investitori e le major fuggono

Su X aumentano i contenuti antisemiti, gli investitori e le major fuggono

X, conosciuto in precedenza come Twitter, sembra non riuscire proprio a trovare la quadratura del cerchio, e anzi molte grandi aziende si stanno rapidamente allontanando dalla piattaforma social negli ultimi giorni.

Importanti inserzionisti, rivelano Axios e il New York Times, stanno ritirando i loro annunci da X, come reazione a una crescente reazione ai contenuti antisemiti sulla piattaforma. Apple, Disney e Lionsgate stanno sospendendo la pubblicità sulla piattaforma pochi giorni dopo che il proprietario di X, Elon Musk, sembrava sostenere pubblicamente una teoria del complotto antisemita. Anche Warner Brothers Discovery ha messo in pausa le sue pubblicità, secondo Deadline, così come Paramount Global secondo CNBC.

Le aziende si uniscono a IBM, che giovedì ha confermato che avrebbe sospeso le sue pubblicità mentre indagava su un rapporto che aveva rilevato annunci della sua divisione Watson che apparivano accanto a contenuti filo-nazisti. Il rapporto, pubblicato dal gruppo di controllo Media Matters, ha trovato anche annunci per Apple, Oracle e altre società tecnologiche insieme a contenuti simili.

Un dirigente di X aveva precedentemente dichiarato a Engadget che i post identificati da Media Matters non erano più monetizzabili e che “il sistema X non sta intenzionalmente posizionando attivamente un marchio accanto a questo tipo di contenuto, né un marchio sta cercando attivamente di supportare questo contenuto con il posizionamento”. L’amministratrice delegata di X, Linda Yaccarino, ha anche affermato che “X è stato estremamente chiaro anche riguardo ai nostri sforzi per combattere l’antisemitismo e la discriminazione”.

Molti inserzionisti di X sono da tempo preoccupati per lo stato dell’incitamento all’odio sulla piattaforma, e le partenze di Apple, Disney, Lionsgate e IBM rappresentano un nuovo colpo per il business pubblicitario già in difficoltà dell’azienda che dall’acquisizione di Musk ha perso notevole valore.

Axios ha riferito che Apple ha deciso di “mettere in pausa” tutta la pubblicità sulla piattaforma, anche se non è chiaro se la decisione sia stata guidata dal tweet di Musk, dal rapporto di Media Matters o da entrambi.

L’ultimo esodo degli inserzionisti arriva un anno dopo che i gruppi per i diritti civili hanno chiesto il boicottaggio degli inserzionisti in seguito all’acquisizione di Twitter da parte di Musk, tra le preoccupazioni per l’aumento dell’incitamento all’odio e le politiche rilassate di moderazione dei contenuti sotto Musk. Sebbene alcuni dei principali inserzionisti di Twitter siano tornati sulla piattaforma, l’attività pubblicitaria dell’azienda non si è mai ripresa. Musk ha dichiarato durante l’estate che le entrate pubblicitarie dell’azienda erano diminuite di oltre il 50%.

Fonte

Scritto da
Andrea "Geo" Peroni

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.

Scrivi un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Corsi online: ecco i trend della formazione digitale nel 2024 e gli evergreen

L’innovazione tecnologica ha realizzato tutto ciò che un tempo appariva come fantascienza:...

Perchè investire in un Sito Web professionale secondo GrowNow

Nell’attuale era digitale, il mondo degli affari si muove alla velocità della...

Perché usare WordPress per la Creazione Siti Web

WordPress è una delle piattaforme per creare siti web più popolari e...

Instagram: Threads è ora disponibile, ecco come raggiungere l’applicazione di Meta

La lotta tra Mark Zuckerberg ed Elon Musk sembra accendersi ogni giorno...

Chi siamo - Contatti - Collabora - Privacy - Uagna.it © 2011-2024 P.I. 02405950425