Recensione Far Harbor – L’isola della nebbia

recensione far harbor uagna
Di Marco "Bounty" Di Prospero
21 maggio 2016

Dopo il mezzo passo falso di Automatron, Bethesda ha deciso di rimboccarsi le maniche e portare a tutti gli amanti di Fallout 4 una nuova espansione che, a detta della software house statunitense, sarebbe stata veramente gigantesca. Stiamo parlando naturalmente di Far Harbor, nuovo DLC dedicato a Fallout 4 arrivato lo scorso 19 maggio. Bethesda sarà stata di parola? Bè, scopritelo continuando a leggere la recensione di Far Harbor.

Nota: la versione provata è quella PS4.

NEBBIA, NEBBIA OVUNQUE

Una volta aver installato il DLC, ci siamo diretti a parlare con la segretaria di Valentine, che ci ha chiesto di indagare su un caso riguardante la scomparsa di Kasumi, una ragazza che viveva con i suoi genitori nella zona nord-est del Commonwealth. Una volta essere giunti sul posto ed aver cercato degli indizi, ecco che ci viene rivelata la zona in qui potrebbe essersi spostata Kasumi: Far Harbor, un’isola totalmente distaccata dal Commonwealth che, data la sua natura, è raggiungibile solo tramite una nave.

Una volta arrivati a destinazione, l’espansione ci ha messo subito alla prova, facendoci combattere con delle creature dalla forma anfibia che non avevamo mai incontrato precedentemente. Una volta terminata la parte iniziale, abbiamo fatto la conoscenza degli abitanti di Far Harbor; persone che non vedono di buon occhio i forestieri. Dopo aver fatto due chiacchiere con la gente del luogo, ecco che capiamo il motivo per cui abbiamo dovuto scaricare i 6,5 GB previsti per l’espansione: la mappa di questo nuovo DLC è infatti veramente gigantesca e potrebbe essere tranquillamente la mappa di un gioco completo.

far harbor arrivo

Tuttavia, muoversi per questa nuova area sarà molto difficile, a causa della fitta nebbia radioattiva che l’attraversa quasi completamente. Come se non bastasse inoltre, muovendovi per la mappa cadrete spesso vittime di imboscate imbastite dalle diverse creature marine che si nasconderanno sott’acqua in attesa del vostro passaggio. Infatti, all’interno di questa espansione, gli sviluppatori non si sono limitati a fare una trasposizione dei nemici del Commonwealth, ma hanno creato nuove creature radioattive che ci daranno molto filo da torcere, come le rane pescatrici o gli striscianti della nebbia. Insomma, un territorio poco amichevole che metterà in serio pericolo la vostra vita ad ogni passo che farete.

TUTTO SU FALLOUT 4

E TU, DA CHE PARTE STAI?

Altro punto di forza di questo DLC è senza dubbio la possibilità di cambiare il corso degli eventi a seconda delle nostra decisioni personali. Infatti, al contrario di Automatron dove vi è una storia abbastanza lineare, qui avremo la possibilità di intraprendere diverse strade che ci permetteranno di fare la conoscenza di tre diverse fazioni le cui sorti dipenderanno dalle nostre scelte. Oltre a capire dove si trova Kasumi quindi, esplorando le varie zone e svolgendo le missioni secondarie, potremo conoscere la storia dell’isola e risolvere questioni rimaste in sospeso per diverso tempo.

Continuando la nostra avventura inoltre, avremo la possibilità di fare la conoscenza di un vecchio pescatore di nome Longefellow che, se lo vorremo, ci aiuterà tra una missione e l’altra. Il pescatore tuttavia non sarà un personaggio indispensabile per il proseguo dell’espansione e potremo quindi fare affidamento anche agli altri “accompagnatori” che già abbiamo avuto modo di conoscere nel Commonwealth.

far harbor uagna

Naturalmente, tra una missione e l’altra avremo anche la possibilità di esplorare l’isola e di scoprire tante nuove armi ed armature. Potremo ad esempio ottenere un lancia arpioni da baleniere, un fucile mitragliatore che spara proiettili radioattivi o, ancora l’armatura dei figli dell’atomo, una delle fazioni che incontreremo nel corso della trama; tutti equipaggiamenti molto potenti che per essere scovati, richiederanno un po’ di esplorazione. Insomma, un’espansione veramente ricca di contenuti che vi assicurerà almeno 20 ore di gioco.

PUNTI DI FORZA

  • La nuova mappa è gigantesca
  • Tante nuove missioni ed equipaggiamenti
  • Longevità alle stelle
  • Possibilità di cambiare il corso degli eventi

PUNTI DI DEBOLEZZA

  • Evidenti cali di frame-rate
  • Il prezzo di acquisto è forse troppo alto

recensioni_consigliato

Far Harbor è un DLC che merita assolutamente di essere giocato considerando l’ampiezza della mappa e le tante zone che potranno essere esplorate. Come se non bastasse inoltre, la trama di questa espansione sarà veramente intrigata e piena di missioni durante le quali avremo la possibilità di cambiare il corso degli eventi; una meccanica che ha reso celebre la serie di Fallout e che ritorna in grande stile anche in questa espansione.  Oltre a tutto ciò, potremo anche accedere ad un arsenale del tutto inedito e ad armature veramente uniche. Unico difetto riguarda ancora il calo di frame rate che, nelle situazioni più coincitate, risulta essere abbstanza evidente.

Vi ricordiamo che su Uagna.it potete trovare la recensione completa di Fallout 4, oltre a tantissimi altri articoli interessanti, tra cui la lista di trucchi, armature e armi; buona lettura.



Sono uno studente di economia e commercio che ama passare parte del tempo libero davanti ad una console. Considero il videogioco come una forma d'arte, in grado di trasmettere valori e emozioni, che permette di "mettere in pausa" la vita stressante di tutti i giorni. Spero di poter condividere con tutti voi questa mia passione e di farvi conoscere il mondo del gaming.