JK Simmons ricorda lo shock della cancellazione di Spider-Man 4

Di Andrea "Geo" Peroni
8 Dicembre 2021

C’è stato un tempo in cui Sam Raimi avrebbe diretto Spider-Man 4. Il regista ha essenzialmente lanciato il mondo del moderno cinema di supereroi con la sua amata trilogia di Spider-Man con Tobey Maguire, che, secondo le indiscrezioni, è pronto a tornare nei panni dell’iconico supereroe ancora una volta in Spider-Man: No Way Home.

Una cosa tira l’altra, tuttavia, e le idee di Raimi alla fine furono scartate, con lo studio che decise di riavviare il franchise portando un nuovo attore (Andrew Garfield) nei panni di Peter Parker e assumendo un nuovo cast e troupe per il franchise rivitalizzato – e fallito dopo due film prima di un nuovo reboot con i Marvel Studios.

JK Simmons è apparso in tutti e tre i film di Raimi nei panni dell’antagonista di Spidey di lunga data J. Jonah Jameson, e ha detto durante un recente evento sul red carpet di aver avuto il cuore spezzato dopo che la Sony ha deciso di staccare la spina dall’iterazione del franchise di Raimi.

“Quando sono passati da lì [la trilogia di Spider-Man di Sam Raimi], è stato straziante”, ha detto l’attore a un giornalista di THR“Ero contento di aver avuto l’opportunità. Quando sono tornati un paio di anni fa e hanno detto che volevano far rivivere quel personaggio, ero elettrizzato. Era un suo adattamento al 2020, ma per me è lo stesso sbruffone, solo che invece di gestire un giornale gestisce un impero mediatico”.

Simmons tornerà nei panni di JJ Jameson in Spider-Man: No Way Home, dove impersonerà una variante del personaggio originale della trilogia di Raimi.



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento