Morbius: un horror poco ispirato e senza mordente – Recensione

Di Chiara Ferrè
31 Marzo 2022

La critica aveva già demolito Morbius nei giorni scorsi. Non possiamo evitare di trovarci d’accordo con le opinioni negative già trapelate sui social, in quanto il nuovo film Sony Marvel è un mix banale di horror e azione. Di certo Morbius non farà saltare sulla sedia gli appassionati del’MCU, ma potrebbe anzi lasciarli abbastanza delusi. L’importante è entrare in sala preparati e senza troppe aspettative.

Esaminiamo quindi di cosa si tratta più nel dettaglio: l’articolo sarà totalmente privo di spoiler, andate tranquilli.

Morbius: un vampiro dal cuore tenero

Sì, fa già ridere così. Ma fondamentalmente la trama di Morbius non offre altri spunti interessanti.

Jared Leto interpreta il dottor Michael Morbius, un brillante medico che però è affetto fin dalla nascita da una grave malattia del sangue che lo rende invalido e destinato a una morte precoce. Insieme a lui c’è Loxias (Matt Smith), un amico con cui ha condiviso il dolore della malattia. Il dottore lotta quindi per trovare una cura non solo per sé, ma anche per l’amico d’infanzia. La sua teoria consiste nel combinare la razza umana e uno speciale tipo di pipistrello (sì, un po’ come gli esperimenti che daranno poi vita a Spider-Man anche se qui l’animale è diverso). Il siero altamente sperimentale riesce a curare il dottore, ma lo rende al contempo un mostro assetato di sangue, una vera e propria bomba ad orologeria destinata ad esplodere. Il dottor Morbius ha commesso un grave sbaglio, a cui sembra impossibile rimediare.

La trama del film di Daniel Espinosa non offre davvero nessun guizzo per tener viva l’attenzione o rendersi memorabile, si limita ad essere lineare e altamente prevedibile. I personaggi sono pochissimi, quindi si intuisce ben presto dove si andrà a parare. Jared Leto è conosciuto per essere un abile trasformista, che nel mondo del cinema è riuscito a reinventarsi più volte per mettersi al servizio dei propri personaggi: anche in questo film fa un buon lavoro, ma Morbius rimane uno strano misto tra Venom, Spider-Man e un classico vampiro gentiluomo. Insomma, nulla di originale anche su questo fronte.

Morbius: un mix piuttosto deludente

Il film è caratterizzato da uno stile horror molto marcato, che fa ampio uso degli stilemi più classici del genere senza però riuscire a spaventare davvero o a mettere tensione (i jumpscare sono davvero prevedibili). L’atmosfera è più simile a quella di un Batman (senza paragonarlo all’ottimo film di Matt Reeves, attualmente in sala) che a quella di un qualsiasi film Marvel. Non c’è spazio per la componente comica, che qui è relegata ad un’unica battuta in tutto il film. La pioggia battente e gli scenari notturni sono intervallati da corridoi ospedalieri da brivido, ma nonostante ciò non ci sentiamo di dire che il film risulti particolarmente ispirato nemmeno in questo senso.

Le scene d’azione sono confuse e continuamente spezzate da rallenty poco d’effetto. La CGI non è delle migliori, ma comunque fa il suo lavoro nel complesso. Il vero problema di Morbius resta una trama sconclusionata e prevedibile, scandita da un ritmo fin troppo veloce che non permette di conoscere a fondo la psicologia dei personaggi e di entrare in empatia con loro. Si ha l’impressione che tutto accada velocemente e un po’ a caso.

La stessa sensazione purtroppo interessa anche le scene post-crediti, che tra l’altro erano già state inspiegabilmente spoilerate nei giorni precedenti all’uscita del film.

Morbius è disponibie dal 31 marzo 2022 nelle sale: non andate al cinema con aspettative particolarmente alte o potreste rimanere molto delusi. Se invece cercate uno svago breve (il film non dura nemmeno due ore) e senza pretese per passare un pomeriggio di pioggia in compagnia, allora forse potrebbe fare al caso vostro.

Vi ricordiamo che Uagna è anche su TikTok! Qui la nostra video recensione di Morbius in 1 minuto:

@uagna.it

Recensione di #Morbius in un minuto!www.uagna.it #JaredLeto #Marvel #Sony #MCU #cinema

♬ People Are Strange (From “Morbius”) – Geek Music

 




Ciao, sono Chiara. Cresciuta a pane, Harry Potter e Final Fantasy, ho da sempre una grande passione per la narrazione in tutte le sue forme: vivo di cinema, libri, videogiochi e serie TV. Durante la settimana scrivo, osservo il mondo e vedo gente. Nel tempo libero scrivo (sì, di nuovo), disegno, videogioco.




Scrivi un commento