Thor: Love and Thunder – La spiegazione delle scene dopo i titoli di coda

Di Andrea "Geo" Peroni
6 Luglio 2022

Non perdiamoci in troppe chiacchiere, sapete benissimo perché siete qui. Oggi arriva in Italia Thor: Love and Thunder, il nuovo film dei Marvel Studios che prosegue l’epopea del Dio del Tuono, e siamo qui a raccontarvi nel dettaglio le scene dopo i titoli di coda del film.

Dal 6 giugno arriva in Italia Thor: Love and Thunder, il nuovo film di Taika Waititi dedicato a Thor. Si tratta del ritorno al cinema del personaggio dagli eventi di Avengers: Endgame, al termine del quale Thor era partito insieme ai Guardiani della Galassia per nuove avventure.

Se siete interessati, vi lasciamo qui la nostra recensione del film.

Thor: Love and Thunder ha due scene post crediti. La prima si trova dopo i mid credits, mentre per la seconda e ultima scena dovrete attendere la conclusione di tutto il film compresi i titoli di coda.

Naturalmente, per evitare spoiler, vi raccomandiamo di leggere quanto segue solo dopo aver visto il film.

La prima scena dopo i titoli di coda

La prima scena è ambientata a Omnipotence City, la maestosa dimora degli dei universali che Thor (Chris Hemsworth), Valchiria (Tessa Thompson), Jane (Natalie Portman) e Korg (Taika Waititi) visitano nel corso del film per cercare alleati nella lotta a Gorr (Christian Bale).

Le trattative con Zeus (Russell Crowe) non vanno come previsto, e Thor e i suoi compagni sono costretti ad attaccare per riuscire a rubare Thunderbolt, la folgore del padre dell’Olimpo. Nel corso della battaglia, lo stesso Zeus viene trafitto da Thunderbolt.

Nella scena dopo i titoli di coda scopriamo però che Zeus non è affatto morto. Evidentemente, ci vuole ben altro che un buco nel petto per eliminare uno degli dei più potenti dell’universo. Ciononostante, Zeus non ha preso bene l’attentato alla sua vita e soprattutto il furto della folgore, e qui lo vediamo spiegare a qualcuno che è tempo per gli dei di riprendere il potere. La prima cosa da fare sarà vendicarsi proprio di Thor, ed è qui che entra in scena il misterioso interlocutore: si tratta del potente Ercole (Brett Goldstein).

Come suggerivano i rumor, in Thor: Love and Thunder fa quindi il suo debutto anche Ercole, il leggendario eroe creato nel 1940 dalla Timely Comics, il personaggio è stato poi rilanciato dalla Marvel negli anni ’60 proprio in un fumetto dedicato a Thor.

Nel corso della sua storia editoriale, Ercole ha fatto anche parte della formazione degli Avengers in diverse occasioni. Nell’evento Civil War, ad esempio, Ercole si schiera a favore della fazione di Steve Rogers, e distrugge il clone cyborg di Thor creato da Tony Stark, Reed Richards e Hank Pym.

È Brett Goldstein, attore di Ted Lasso e Soulmates, a interpretare Ercole nel Marvel Cinematic Universe. Al momento non sappiamo quando rivedremo il suo personaggio, ma certamente la sua strada si incrocerà in futuro con quella del Dio del Tuono asgardiano. Zeus ha infatti ordinato al figlio di dare la caccia a Thor, e ne vedremo delle belle.

La seconda scena dopo i titoli di coda

La seconda scena è abbastanza importante, sebbene non sia ancora chiaro il suo impatto sul futuro del MCU.

La scena è infatti ambientata nel Valhalla, il luogo della mitologia norrena nel quale finiscono le anime dei valorosi che cadono in battaglia. Nominato più volte nel corso del film, il Valhalla viene rappresentato come una verde terra sovrastata da una dimora, dove forse risiedono gli dei morti.

A fare il suo ingresso nel Valhalla è Jane Foster, morta per sventare il piano di Gorr. La donna terrestre viene quindi accolta nella mitica terra, e ad aiutarla a capire dove si trova ci pensa una vecchia conoscenza del MCU: si tratta di Heimdall (Idris Elba), ucciso da Thanos in Avengers: Infinity War durante l’attacco alla nave asgardiana per recuperare il Tesseract.

Dopo questa scena, resta ovviamente un importante interrogativo: i personaggi che finiscono nel Valhalla potranno forse tornare in futuro nel MCU? Se la risposta sarà positiva, questo riaprirebbe le porte dell’universo Marvel anche ad altri noti asgardiani caduti in battaglia, come Fandrall, Hogun e Volstagg. Per non parlare, poi, di Loki.

Parlando del Marvel Cinematic Universe, Kevin Feige ha recentemente affermato che la Fase 4 si sta avviando alla sua conclusione, e presto il pubblico scoprirà i piani per la Fase 5 (ecco alcuni progetti già confermati). La prima occasione utile per conoscere i piani dei Marvel Studios sarà il Comic-Con di San Diego, al quale Feige sarà presente.

I prossimi progetti della Fase 4 includono:

  • Thor: Love and Thunder (8 luglio 2022)
  • I Am Groot (serie TV) (10 agosto 2022)
  • She-Hulk: Attorney at Law (serie TV) (17 agosto 2022)
  • Black Panther: Wakanda Forever (11 novembre 2022)
  • Guardians of the Galaxy: Holiday Special (speciale TV) (Natale 2022)
  • Ant-Man and the Wasp: Quantumania (12 febbraio 2023)
  • Guardiani della Galassia Vol. 3 (5 maggio 2023)
  • The Marvels (28 luglio 2023)
  • Fantastic 4 (2023) (?)

Ecco la sinossi sul nuovo film di Thor:

Il film vede Thor (Chris Hemsworth) in un viaggio diverso da qualsiasi cosa abbia mai affrontato: una ricerca di pace interiore. Ma il suo ritiro viene interrotto da un killer galattico noto come Gorr, il macellatore di dei (Christian Bale), che cerca l’estinzione degli dei. Per combattere la minaccia, Thor si avvale dell’aiuto di Re Valchiria (Tessa Thompson), Korg (Taika Waititi) e dell’ex fidanzata Jane Foster (Natalie Portman), che – con sorpresa di Thor – brandisce inspiegabilmente il suo martello magico, Mjolnir, nei panni del Potente Thor. Insieme, intraprendono una straziante avventura cosmica per svelare il mistero della vendetta di Gorr e fermarlo prima che sia troppo tardi.

Thor: Love and Thunder uscirà nei cinema italiani il 6 luglio 2022. Il film è diretto da Taika Waititi, che interpreterà nuovamente Korg, e nel cast troviamo anche Chris Hemsworth, Tessa Thompson, Chris Pratt, Vin Diesel, Natalie Portman, Christian Bale, Russell Crowe, Matt Damon, Luke Hemsworth, Melissa McCarthy, Sam Neill, Jaimie Alexander, Karen Gillan, Pom Klementieff, Bradley Cooper, Dave Bautista.




Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento