WandaVision – Easter egg, segreti e citazioni dei primi due episodi

Di Andrea "Geo" Peroni
18 Gennaio 2021

WandaVision, la prima serie TV dei Marvel Studios, ha avuto inizio venerdì 15 gennaio su Disney+, e naturalmente sono già iniziate le numerose domande e teorie da parte dei fan: dove sono veramente finiti Wanda e Visione? Westview è davvero quello che sembra?

Nella nostra recensione dei primi due episodi della serie, vi abbiamo raccontato quello che WandaVision è oggi: un prodotto curioso, molto curato e attualmente abbastanza indecifrabile, anche se come dicevamo i fan si stanno già sbizzarrendo su innumerevoli teorie grazie a vari riferimenti presenti nello show.

Ma quali sono questi riferimenti? Di seguito troverete un elenco dei più importanti easter egg, segreti e citazioni che i primi due episodi della serie TV ci hanno proposto, che potrebbero, oppure no, darci qualche indicazione di più sulla trama e su chi eventualmente si cela dietro alla vita da “show” di Wanda e Visione.

Tostapane Stark

Nei due episodi, sono presenti due intermezzi pubblicitari realizzati ad hoc – proprio come se WandaVision fosse un vero e proprio show televisivo – ed entrambi contengono riferimenti al Marvel Cinematic Universe e alla storia di Wanda. Nel primo episodio assistiamo alla promozione di un nuovo tostapane, il Toast Mate 2000, a quanto pare prodotto… dalle Stark Industries!

Questo tostapane non è però solo un riferimento all’azienda di Howard Stark prima e Tony poi, ma anche alla storia di Wanda e di suo fratello Pietro (Aaron Taylor- Johnson), deceduto in Avengers: Age of Ultron. Come abbiamo scoperto nel film del 2015, quando i due fratelli erano bambini a Sokovia, sono rimasti per giorni intrappolati sotto le macerie di un edificio con un ordigno delle Stark Industries che minacciava di farli saltare in aria da un momento all’altro. Un ulteriore riferimento di questo arriva al termine dello spot pubbicitario, in cui la luce intermittente del tostapane (l’unica cosa colorata dello spot, se ci fate caso) inizia a lampeggiare e a emettere un preoccupante “beep”, proprio come se stesse per esplodere.

SWORD

Al termine del primo episodio della serie, scopriamo parte della verità: WandaVision è davvero uno show televisivo del Marvel Cinematic Universe, ma a quanto pare è qualcosa di preoccupante e che viene tenuto sotto controllo da parte di una importante organizzazione, lo SWORD, di cui possiamo vedere anche il logo.

Si tratta della prima apparizione dello SWORD nel Marvel Cinematic Universe, un’organizzazione molto importante e che certamente tornerà anche in altri film e show della Fase 4 e probabilmente anche oltre. Per chi non lo sapesse, nei fumetti Marvel la SWORD, che significa Sentient World Observation and Response Department, è un’organizzazione che si occupa di affrontare minacce extraterrestri per la sicurezza del pianeta, ed è in sostanza la controparte “cosmica” dello SHIELD. Non sappiamo se lo scopo effettivo della SWORD sia lo stesso anche all’interno del Marvel Cinematic Universe: alcune indiscrezioni sembravano suggerire che la lettera W non indicasse più i mondi alieni (World) bensì armi pericolose (Weapon). Ma cosa significa tutto questo? Wanda è forse considerata un’arma, cosa che in effetti era già emersa ai tempi di Captain America: Civil War? Oppure la donna si trova sotto il controllo di un’altra arma?

Non sarà la prima e unica volta che il logo dello SWORD fa la sua apparizione in questi primi due episodi, accade ad esempio con l’elicottero rosso che Wanda ritrova nel suo giardino.

Il Sinistro Mietitore a Westview?

Nella sigla dell’episodio 2, realizzata con una serie di omaggi alla sitcom Vita da Strega, vediamo alcuni interessanti riferimenti che potrebbero darci indicazioni sul futuro dello show. In questo particolare frame che potete vedere qui sotto, durante una delle sequenze con Visione, possiamo osservare chiaramente l’elmo del Sinistro Mietitore, uno dei celebri villain del personaggio e altri eroi come Wonder Man che risale al 1968. Che ci sia lui dietro tutto questo? Forse, o forse no, perché ci sono molti altri indizi su celebri nemici…

Zia A

Sempre nell’intro animata del secondo episodio, durante la sequenza del supermercato in cui vediamo Wanda e il personaggio interpretato da Teyonah Parris (che sappiamo essere Monica Rambeau, la figlia di Maria Rambeau apparsa in Captain Marvel), i cartelloni pubblicitari sono altri easter egg dai fumetti Marvel. La marca di latte Bova è un riferimento all’omonimo personaggio, una mucca antropomorfa (davvero) che si prese cura di Pietro e Wanda all’epoca della loro giovinezza.

Il secondo riferimento è quello invece più interessante, e che potrebbe ancora una volta essere fonte di interessanti teorie. Il cartellone pubblicitario delle lettiere per gatti della Zia A sembra infatti essere un riferimento ad Agatha Harkness, un’antichissima maga molto amante dei gatti e che ha avuto più volte a che fare nei fumetti con Wanda Maximoff ma anche con i Fantastici 4. Agatha è stata una mentore molto importante per Wanda nei fumetti, avendole insegnato a utilizzare la magia, ma durante il periodo di follia della figlia di Magneto, nella saga Vendicatori Divisi, andò incontro alla morte proprio per mano di Wanda. Secondo le speculazioni, abbiamo già visto Agatha nello show: si tratta di Agnes (Kathryn Hahn), la pettegola vicina di Wanda che in effetti sembra sapere qualcosa che noi non sappiamo – un riferimento è la frase “Ecco la star dello show!” durante il secondo episodio – e il cui nome sembra essere formato dall’unione di AG (Agatha) e NES (parte terminale di Harkness).

Orologi Strucker

Altro spot pubblicitario, altro simpatico riferimento. Nel secondo episodio della serie, lo spot promozionale è dedicato alla marca di orologi Strucker, ovvio riferimento al Barone Wolfgang Von Strucker (Thomas Kretschmann in Avengers: Age of Ultron). Come se non bastasse, un logo dell’HYDRA con tanto di nome si trova all’interno del quadrante dell’orologio.

È un chiaro richiamo, come avrete già capito, alla storia di Wanda, che si sottopose volontariamente agli esperimenti dell’HYDRA e di Strucker con lo Scettro di Loki come abbiamo visto in Captain America: The Winter Soldier, e che scateneranno in lei e Pietro una serie di incredibili poteri. Il secondo trailer dello show ci ha inoltre mostrato un insolito “incontro” tra Wanda e la Gemma della Mente, contenuta all’interno dello scettro, che è anche l’origine dei poteri della donna. Si tratterà di un flashback che vedremo prima o poi nel corso della serie? Oppure Wanda è ancora in qualche modo in contatto con la Gemma, nonostante queste siano state ridotte in atomi da Thanos durante Avengers: Endgame?

L’apicoltore

E arriviamo a quello che è probabilmente è il momento più inquietante e chiacchierato del secondo episodio, uno dei momenti “al di fuori dello show” prima di assistere al passaggio al technicolor di WandaVision. I due protagonisti sentono strani rumori provenire dall’esterno, gli stessi che durante la notte, all’inizio della puntata, udivano e che sembravano provenire dal ramo di un albero che sbatteva contro la finestra. Stavolta la cosa è però diversa: i rumori provengono dalle strade di Westview, e dunque Wanda e Visione decidono di uscire di casa trovandosi di fronte a una scena decisamente inspiegabile: un apicoltore, con lo stemma della SWORD sulla schiena, fuoriesce da un tombino.

Chi è questo apicoltore? Questa è una bella domanda, e anzi è LA domanda che da giorni attanaglia gli spettatori di WandaVision, e su cui sono già state formulate moltissime ipotesi. È chiaro che l’apicoltore sembra suggerire un netto collegamento con la SWORD, e che quindi sia, insieme all’elicottero rosso visto nel corso dell’episodio, un ulteriore tentativo di contatto dell’organizzazione con Westview per capire cosa sta accadendo – nel corso del secondo episodio, nel mezzo di un dialogo tra Wanda e Dottie, possiamo anche udire la voce dell’agente Jimmy Woo (Randal Park) che cerca di contattare la Maximoff attraverso una radio.

E se ci fosse altro sotto? La tuta da apicoltore è una delle “uniformi” più note della storia dei fumetti Marvel, poiché appartenente agli adepti dell’AIM, la Advanced Idea Mechanics. L’organizzazione è già apparsa in passato nel MCU – in Iron Man 3, per la precisione, guidata da Aldrich Killian – ma in quel caso non abbiamo visto le iconiche tute gialle dei soldati. Il gruppo sta forse lavorando a contatto con la SWORD per capire cosa sia successo a Wanda? Da quel che sappiamo, però, l’AIM del MCU potrebbe non esistere più, o essere stata smantellata dopo i fatti di Iron Man 3, e dunque non sembra essere una teoria praticabile al momento.

Nella sconfinata storia dei fumetti Marvel, c’è però un altro personaggio che potrebbe simboleggiare l’apicoltore, al quale però non troviamo particolari collegamenti con la serie o con la potenziale storia – con i Marvel Studios mai dire mai. Si tratta di Swarm, un villain in realtà non molto conosciuto e che ha avuto più volte a che fare con Spider-Man. Swarm (che vuole dire sciame, in inglese) è l’alter ego di Fritz von Meyer, uno scienziato nazista appassionati di imenotteri – era un apicoltore, guardacaso – che a causa di uno sfortunato incidente… venne completamente divorato dalle sue api! Le incredibili proprietà di questi animali hanno però consentito alla coscienza di von Meyer di continuare a esistere, e oggi, in pratica, il fu Fritz è in realtà un essere composto da un vero e proprio sciame di api.

Se è ancora troppo presto per sapere se l’apicoltore sia collegato alla SWORD, all’AIM, a Swarm o a qualche altro personaggio ancora ignoto, la scena finale è comunque importante: nel momento in cui il misterioso uomo incrocia lo sguardo di Wanda, questa afferma un semplice “No”, dopo il quale il tempo – o meglio, il nastro – sembra riavvolgersi e riportare lei e Visione a pochi secondi prima, quando i due hanno appena scoperto di aspettare un figlio e passando poi a un ambiente a colori, proprio come se la realtà intorno a loro fosse cambiata. Questo passaggio sembra confermare che sia proprio Wanda a controllare la fittizia realtà di Westview, ma predichiamo attenzione: le cose potrebbero non essere così scontate, del resto la donna sembra è apparsa particolarmente confusa durante la cena con gli Hart e da vari fenomeni apparentemente inspiegabili. Cosa sta accadendo, realmente, a Wanda?

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale


Abbiamo parlato di: |

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento