5 cose del Resident Evil 3 originale che vorremmo vedere in RE3 Remake

resident evil 3
Di Marco "Bounty" Di Prospero
7 Marzo 2020

Il 3 aprile 2020 arriverà finalmente Resident Evil 3, remake dell’omonimo gioco sviluppato da Capcom e uscito nel lontano 1999.  Come successo per Resident Evil 2 Remake, anche RE3 promette di innovare e rinnovare quanto visto nel capitolo originale. Nonostante tutto, ci sono alcune meccaniche che ci piacerebbe ritrovare nel remake. Vi presentiamo quindi le 5 cose del Resident Evil 3 originale che vorremmo vedere in RE3 Remake; vi auguriamo una buona lettura.

Costumi alternativi

Preordinare il remake di Resident Evil 3 vi permetterà di mettere le mani sugli abiti predefiniti di Jill e Carlos provenienti direttamente dal gioco originale. Tuttavia, in Resident Evil 3 si potevano sbloccare altri costumi. Ad esempio, per Jill potevamo sbloccare la divisa S.T.A.R.S., un completo da motociclista in pelle e gli abiti di Regina, protagonista di Dino Crisis. Sarebbe bello poter sbloccare altrettanti abiti anche nel remake (preferibilmente senza che arrivino tramite DLC a pagamento).

Ritrovare tutte le creature del capitolo originale

Uno dei pochi aspetti negativi del remake di Resident Evil 2 è stata l’assenza di alcuni nemici del gioco originale. Pertanto, ci auguriamo che Capcom non commetta lo stesso “errore” nel remake di Resident Evil 3. Fortunatamente, i vermi giganti e gli hunter sono già stati confermati. La nostra speranza è che vengano inseriti anche i corvi e i brain sucker. Ciò, oltre ad aumentare la varietà dei nemici, rende il gameplay più dinamico considerando che ogni nemico potrà essere abbattuto con strategie ed armi diverse.

Polvere da sparo

Sarebbe una sorpresa se la polvere da sparo non fosse presente nel remake di Resident Evil 3 considerando che era presente sia nel gioco originale che nel remake di Resident Evil 2. In effetti, la gestione delle risorse è stata una parte importante delle prime puntate della serie e l’inclusione della polvere da sparo nel remake di RE3 renderebbe il crafting più profondo e strategico.  In un mondo come quello di Resident Evil, scegliere quando e quali munizioni craftare, potrebbe salvarci la vita.

resident evil 3

Possibilità di schivare

Uno dei modi in cui Resident Evil 3 ha modificato il gameplay rispetto ai suoi predecessori è stato l’inclusione della schivata. Schivata che permetteva di evitare gli zombi circostanti avvalendoci di un tempismo perfetto poco prima di essere morsi. E’ vero, non era un sistema perfetto ma, se rinnovato e limato, potrebbe essere di grande utilità nel remake. Ad esempio si potrebbe cominciare con il cambiare i comandi di schivata, che nell’originale prevedeva di premere il tasto di mira e poi quello di attacco poco prima della presa. Sarebbe sicuramente più semplice prevedere un pulsante specifico che funga solamente da schivata. D’altro canto, Capcom non dovrebbe fare della schivata una meccanica abusabile con cui eludere tutti gli zombie. Ciò andrebbe a sminuire infatti il senso di paura.

resident evil 3 remake

Ottenere gadget utili sconfiggendo il Nemesis

In Resident Evil 3 Remake, il Nemesis dovrebbe comportarsi più o meno come Mr. X in Resident Evil 2. Ciò che ci auguriamo, tuttavia, è la possibilità di ricevere ricompense e gadget utili ogni volta che il Nemesis viene sconfitto (come accadeva nell’originale giocando in modalità difficile). In questo modo verrebbero incentivate le battaglie contro il Nemesis, evitando che il giocatore preferisca la fuga. In Resident Evil 2 invece, se è vero che sparare al Tyrant ci permetteva di riafatare un po’, non vi era un vero e proprio premio che spingeva i giocatori ad abbatterlo.

resident evil 3 nemesis

Queste dunque le 5 cose del gioco originale che vorremo vedere in Resident Evil 3 Remake. Appuntamento con la seconda parte di questo speciale dedicata, questa volta, alle 5 cose che NON vorremmo vedere del Resident Evil 3 originale.

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale


Abbiamo parlato di: |

Durante il giorno dipendente presso una società finanziaria. La sera nerd e videogiocatore. Per me l'intrattenimento videoludico è una forma d'arte grazie alla quale poter fantasticare e staccare la spina dallo stress giornaliero. Cresciuto a suon di Mortal Kombat, Metal Gear Solid e Resident Evil.




Scrivi un commento