Black Ops III Zombies – L’analisi del trailer di Revelations

revelations
Di Andrea "Geo" Peroni
30 Agosto 2016

Nella giornata di oggi, Treyarch e Activision hanno rilasciato il trailer ufficiale della mappa Revelations, l’ultima esperienza zombie che concluderà la storia iniziata con Call of Duty: World at War e che sarà inserita nel DLC Salvation in arrivo il prossimo 6 settembre su PS4 (e ad ottobre su Xbox One e PC).

Un trailer ricco di azione e soprattutto di informazioni, per quella che si prospetta come una delle ambientazioni più leggendarie di tutta l’epopea dei non-morti di Treyarch. Ecco un’analisi dettagliata delle informazioni estrapolate dal trailer.

revelations

La casa, l’oggetto del mistero per tutti gli avvenimenti di Black Ops III Zombies, sarà con tutta probabilità il punto di partenza di Revelations, così come l’inizio del trailer. Nella casa sono ancora rinchiusi Samantha, il piccolo Edward e anche tutte le altre versioni giovani dei protagonisti. Avranno un ruolo chiave oppure il nostro compito sarà proteggerli?

revelations

Una nuova panoramica alle gigantesche statue dei Primis, o perlomeno è quello che il trailer ci vuole far vedere. Le statue assomigliano terribilmente a quelle già viste in Origins, e c’è chi ha già ipotizzato che in Revelations i Primis, ovvero i quattro eroi, arriveranno a sfruttare il pieno potere dei Bastoni Elementali originali. La lotta era già narrata nella sala del rituale di Shadows of Evil, dove i quattro protagonisti fronteggiavano orde di Apothicon. L’impressione è che la grande guerra avverrà proprio qui.

revelations

Insieme al Juggernog, che potete vedere in basso a sinistra, il trailer ci mostra una inquietante frase in cui si parla di conoscenza e di essere prelevati. Avrà a che vedere con gli spostamenti spazio-temporali che vivremo in Revelations?

revelations

Ecco una porzione di mappa che era già stata confermata, Der Eisendrache. Nel frame potete infatti vedere le gigantesche statue dei Custodi che sorvegliano la piramide all’interno del castello, dunque in qualche modo potremo visitare nuovamente questa ambientazione.

revelations

Una gigantesca struttura, dalla quale si innalza un raggio di colore rosso, è il protagonista di questo misterioso frame del trailer di Revelations. Ci stupiremmo se tale struttura non avrà un ruolo chiave nell’easter egg, considerando inoltre che nella piazza di fronte ad esso si trova un altare con la scultura di un mostro (forse Shadow Man) e che i quattro protagonisti, poco dopo, entrano dentro di essa.

revelations

Ecco nuovamente la struttura descritta precedentemente, vista da un’altra prospettiva e che mette in evidenza i due elementi descritti: l’altare con la scultura, al centro del piazzale, e la porta che viene attraversata dai personaggi. Sarà forse il modo per spostarsi tra una porzione di mappa e un’altra?

revelations

In questo brevissimo passaggio viene mostrata quella che inequivocabilmente è una delle trincee di Origins. Il quesito sorge ora spontaneo: per quale motivo i quattro protagonisti dovranno tornare in questo luogo? Forse per recuperare anche l’anima di Maxis, dato che per il momento solo la mente di quest’ultimo era stata recuperata? Ma preparatevi, perché il prossimo luogo mostrato è ancora più incredibile…

revelations

Sì ragazzi, se siete fan accaniti della modalità Zombie e pensate di aver riconosciuto il luogo, non vi state sbagliando: Mob of the Dead. La prigione di Alcatraz, probabilmente non nella sua interezza, sarà nuovamente esplorabile. Speriamo sia la buona occasione per porre dei punti di contatto tra la storyline principale e quella di Sal & Co., che per il momento resta ancora sconnessa dai binari principali.

revelations

Abbiamo scelto di mostrarvi questo frame particolare per mettere in evidenza un particolare molto importante: gli occhi degli zombie. Come saprete, ogni colore indica una possessione differente da parte dei non-morti (blu indica Richtofen, giallo Samantha, arancione Maxis), mentre gli occhi degli zombie di Revelations saranno rossi. Dove sono apparsi gli occhi rossi? In Gorod Krovi e, guarda un po’, in Mob of the Dead. Quale sarà la connessione?

revelations

In questo fermoimmagine possiamo notare una botola, sulla sinistra, dalla quale fuoriesce quello che sembra fuoco. Potrebbe forse trattarsi di una sorta di rituale da compiere, uccidendo zombie nelle vicinanze, oppure di una trappola che avrà a che fare con la statua accanto.

revelations

Le scritte sul muro dietro allo zombie sembrano appartenere a Verruckt, mappa di World at War riproposta anche sul primo Black Ops. Sarà visitabile anch’essa?

revelations

Confermato il ritorno delle potenti granate Lil’Arnie, già viste su Shadows of Evil. La cosa ha senso, in effetti: l’Uomo Ombra e gli Apothicon hanno invaso anche il pacifico mondo dei bambini, e con loro hanno portato tutti gli effetti dell’etere. Le Lil’Arnie, infatti, non saranno le uniche armi a tornare su Revelations…

revelations

Ed ecco la conferma anche per quanto riguarda Kino der Toten. La sala principale del teatro sarà esplorabile, anche se come potete vedere sarà differente da come la ricordavamo. Rimane però il teletrasporto, che sembra posizionato nello stesso punto della mappa originale.

revelations

Fa uno strano effetto vedere questa Wonder Weapon su Kino der Toten, ma è esattamente quello che accadrà in Revelations. Il Servitore Apothicon sarà infatti nuovamente presente, così come già pronosticato da diversi mesi. Le parole di Jason Blundell, difatti, furono abbastanza chiare:

Non è possibile potenziare il Servitore Apothicon…In Shadows of Evil.

In Revelations avremo a che fare con varie creature sovrannaturali, così come accadeva in Shadows of Evil. Nella prima immagine possiamo vedere un mostro mai visto prima, che potrebbe verosimilmente avere dei poteri legati al fuoco. Nella seconda immagine ecco invece che compare una vecchia conoscenza di Black Ops III Zombies: il Morgwa. Questa volta però, dalle bocche del mostro fuoriesce una luce blu, a differenza di quella gialla (e viola) di SOE. Per quale motivo?

revelations

Il buon Richtofen impugna…Sì, il Ragnarok DG-4, una delle Wonder Weapon di Der Eisendrache. Sembra dunque che gli sviluppatori abbiano preso parecchio dell’apprezzatissima mappa ambientata nel castello austriaco. Non è ancora chiaro se dobbiamo aspettarci altre armi speciali, come il Teschio di Nan Sapwe o la Spada Apothicon. Per il momento, comunque, il Ragnarok è confermato.

revelations

Mentre i personaggi sono impegnati in una estenuante resistenza di fronte alla struttura vista già in precedenza, una gigantesca creatura si aggira nello spazio al di fuori della mappa. Chi, o cosa sarà?

revelations

Ed ecco una panoramica completa dell’immensa creatura mostruosa. Non sembra la stessa che sovrastava il cielo di Morg City in Shadows of Evil, dunque non sappiamo di cosa si tratti realmente. Potrebbe essere una mutazione dell’Uomo Ombra, deciso a uccidere le ultime speranze dell’universo? Il trailer si chiude qui, appuntamento al 6 settembre per la conclusione di un epica avventura.

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento