È un fuggitivo ricercato, ma è anche annoiato: esce a comprare Call of Duty e viene arrestato

Di Andrea "Geo" Peroni
6 Marzo 2021

La sempre interessante rubrica “Il genio del giorno” torna con una storia quasi incredibile, nel vero senso della parola. I protagonisti della vicenda sono Call of Duty, lo sparatutto targato Activision, e un fuggitivo ricercato dalla polizia decisamente annoiato.

Dopo essere scappato di prigione lo scorso anno e essersi nascosto per mesi, un uomo nel Regno Unito è stato arrestato dopo essersi avventurato in un negozio per comprare una copia di Call of Duty. Sì, avete capito benissimo: pur essendo ricercato e fuggitivo, ha deciso di tentare il tutto per tutto per una copia di Call of Duty, fallendo miseramente.

Secondo la polizia delle West Midlands, il trentaseienne Clint Butler, prigioniero evaso a Birmingham, si è avventurato in città lo scorso 13 gennaio per acquistare una copia di Call Of Duty: Black Ops Cold War. Butler era un ricercato dalla polizia, poiché nel novembre dello scorso anno era fuggito dalla prigione di HMP Spring Hill, situata nel Buckinghamshire, dove stava scontando una condanna estesa a 17 anni per crimini tra cui rapina e reati con armi da fuoco. Non contento, non si è solo avventurato in città pur essendo ricercato, ma anche durante il regime di lockdown imposto dalla pandemia.

Quando la polizia locale ha individuato Butler e il suo amico, i due hanno cambiato direzione per evitare i poliziotti. Questo ha attirato l’attenzione della polizia, che ha chiesto a Butler cosa stesse facendo in giro durante il blocco sanitario. L’uomo, stando al rapporto della polizia, avrebbe risposto: “Sono venuto a prendere il nuovo Call of Duty perché non posso restare in isolamento”.

Gli agenti hanno quindi chiesto alcuni dettagli , a quel punto Butler ha attaccato uno degli ufficiali. Dopo essere stato arrestato, i poliziotti hanno scoperto che Butler aveva riportato dati falsi, e che si trattava del fuggitivo ricercato. La sua brillante idea gli è costata una nuova condanna: 13 mesi extra per l’evasione e 6 mesi per lo scontro con la polizia, che si vanno ad aggiungere alla condanna precedente.

Il sovrintendente Nick Rowe della polizia ha poi confidato che sembra ancora confuso il motivo che ha spinto il fuggitivo a uscire allo scoperto:

Il motivo per cui ha deciso di rischiare di essere riportato in prigione prendendo la decisione idiota di venire in città durante la chiusura con un amico per acquistare un videogioco rimarrà un po’ un mistero.

Insomma, che dire: complimenti da parte di tutti noi per la brillante mossa.

Fonte



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento