Il boss di PlayStation Jim Ryan ha incontrato le agenzie EU antitrust per parlare di Activision

Di Andrea "Geo" Peroni
2 Ottobre 2022

PlayStation vuole vederci chiaro nel futuro dei marchi di Activision Blizzard King, spiegando la sua visione di ciò che potrebbe implicare un’acquisizione da parte di Microsoft.

Secondo quanto riferito, il boss di PlayStation Jim Ryan ha incontrato le autorità di regolamentazione dell’UE per discutere dell’acquisizione di Activision da parte di Microsoft, che in questi mesi è in discussione presso le agenzie antitrust di tutto il mondo

All’inizio di quest’anno, Microsoft ha annunciato l’intenzione di acquistare il colosso editoriale Activision per circa 70 miliardi di dollari. Questa sarebbe la più grande acquisizione nella storia dei videogiochi, sia finanziariamente che in termini di impatto.

Activision possiede un sacco di migliori sviluppatori del settore e IP apprezzate come World of Warcraft, Overwatch, Crash Bandicoot, Diablo e, soprattutto, Call of Duty. Il franchise FPS non è solo uno dei più grandi franchise dell’industria, ma un vero e proprio brand nell’intero settore dell’intrattenimento, cosa che Sony ha evidenziato in più occasioni. COD incassa costantemente miliardi di dollari, ed è un best seller ogni anno. In quanto tale, PlayStation ha espresso preoccupazione su cosa potrebbe accadere se Microsoft decidesse di rendere Call of Duty un’esclusiva Xbox.

Microsoft ha specificato in varie occasioni che prevede di mantenere Call of Duty su PlayStation, proprio come Minecraft, ma c’è ancora preoccupazione da parte dell’azienda nipponica che potrebbe vedersi privata di un nome colossale. Come riportato da DealreporterSeeking Alpha, il boss di PlayStation Jim Ryan si è recato personalmente davanti alla Commissione Europea l’8 settembre a Bruxelles. Secondo quanto riferito, PlayStation ha espresso le sue preoccupazioni sul fatto che Microsoft potrebbe limitare l’accesso al franchise di Call of Duty se questo accordo andrà a buon fine.

Le autorità di regolamentazione europee hanno tempo fino all’8 novembre per prendere una decisione sull’accordo, secondo un deposito sul sito web dell’autorità di regolamentazione. Al momento, non è chiaro in che modo risponderanno i regolatori, ma Sony sta sicuramente cercando di perorare la sua causa nel miglior modo possibile.

Se l’accordo dovesse andare a buon fine, Microsoft prevede di portare Call of Duty su Xbox Game Pass. Dato che Microsoft prevede ancora di onorare l’accordo di marketing di PlayStation con la serie per i prossimi tre anni, non è chiaro se i futuri giochi Call of Duty arriveranno su Xbox Game Pass il primo giorno come altri titoli first party. È possibile che Microsoft debba attendere la conclusione dell’accordo con PlayStation prima di farlo.

Fonte



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento