Formula 1 – Ecco come è andato il GP d’Australia virtuale

recensione f1 2019
Di Marco "Bounty" Di Prospero
6 Aprile 2020

Durante l’emergenza Coronavirus, gli organizzatori della Formula 1 hanno deciso di intrattenere i fan dei motori organizzando un mondiale virtuale su F1 2019. Dopo aver disputato il primo GP virtuale in Bahrain, di cui potete ritrovare il resoconto qui, in data 5 aprile è andato in scena il GP d’Australia virtuale. Alla gara hanno partecipato piloti di un certo calibro, primo su tutti Charles Leclerc, il giovane pilota della scuderia Ferrari. Tra gli altri, segnaliamo la presenza di Lando Norris, Alex Albon, George Russel, Antonio Giovinazzi e Nicholas Latifi. Presenti anche il campione del mondo 2009 Jenson Button e il campione del mondo 2019 di cricket Ben Stokes. In ogni caso, per migliorare la spettacolarità delle gare, ogni monoposto aveva prestazioni e assetti identici, oltre ad avere attivati alcuni aiuti di guida e danni ridotti. Dopo le qualifiche, dominate da Christian Lundgaard, pilota di Formula 3, la gara è stata dominata dal predestinato, Charles Leclerc. Il pilota del cavallino rampante è infatti balzato in prima posizione con una partenza perfetta, per poi rimanere al comando della gara per tutti i 29 giri previsti. Secondo classificato è stato proprio Lundgaard, seguito da George Russel (pilota della Williams), Arthur Leclerc, fratello di Charles e Antonio Giovinazzi, protagonista di una bella rimonta. Al contrario del precedente GP virtuale, questo è stato molto più realistico e ha visto molti meno scontri e incidenti. Se non avete avuto modo di seguirlo in diretta potete recuperare il GP virtuale di Australia nel video sottostante.

Prima di concludere, vi ricordiamo che Codemaster ha reso disponibile F1 2019 per un intero mese.

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale



Durante il giorno dipendente presso una società finanziaria. La sera nerd e videogiocatore. Per me l'intrattenimento videoludico è una forma d'arte grazie alla quale poter fantasticare e staccare la spina dallo stress giornaliero. Cresciuto a suon di Mortal Kombat, Metal Gear Solid e Resident Evil.




Scrivi un commento