Respawn Entertainment e la guerra contro i cheaters

Di Mark
12 Marzo 2019

È chiaro che Respawn Entertainment, stia facendo di tutto per garantire lunga vita al suo ultimo gioiellino ed effettivamente sembra che ci stia riuscendo molto bene. I creatori di Apex Legends, infatti, hanno messo l’attenzione su una nuova problematica che sono intenzionati a risolvere con una linea molto dura.

Jay Frechette, community manager dello studio americano, ha annunciato con un post su Reddit che al momento sono stati bannati più di 355000 cheaters su PC attraverso Easy-Anti-Cheat e che si tratta solo di una fase preliminare del processo. A quanto pare Respawn ha preso in seria considerazione il problema e, come confermato dallo stesso Frechette,  il sistema di ban si sta via via adattando alle nuove situazioni.

Al momento lo studio starebbe lavorando con esperti sia di EA, sia esterni, e inoltre starebbe per aggiungere un sistema di segnalazioni che verranno mandate direttamente ad Easy-Anti-Cheat, il quale, avrà il compito di effettuare, dopo tutti gli accertamenti del caso, la “pulizia” del gioco  .

Altro punto caldo toccato da Frechette è quello dei crash: nonostante la prossima patch avrà come oggetto la correzione di alcuni di questi, “c’è ancora molto lavoro da fare dal momento che non tutti i crash sono stati sistemati“.

Il post si chiude con altri due riferimenti importanti: da un lato, l’aggiunta della possibilità di riconnettersi ad una partita, negata dal community manager perchè potenziale oggetto di abuso da parte dei giocatori e considerata uno spreco di risorse, e dall’altro quello relativo alle  basse performance dei server all’inizio della partita, problema al quale, Frechette, risponde che Respawn sta lavorando costantemente.

Fonte



Io mi chiamo Marco, ho 20 anni e vivo a Pordenone, nella mia città natale. Attualmente sono uno studente della facoltà di Scienze politiche, relazioni internazionali e diritti umani ma quando non studio continuo a coltivare la mia passione per il mondo dei videogiochi, passione che ho sin da piccolo