Secondo un ministro russo, Metal Gear è stato creato dagli USA per manipolare l’umanità

Di Andrea "Geo" Peroni
29 Giugno 2019

No, non avete letto male, non avete (ancora) le allucinazioni da caldo. Andrei Kartapolov ha sganciato una bomba siderale che riguarda il mondo dei videogiochi, e che chiaramente ci fa sorridere. Il problema semmai è un altro: l’affermazione non nasce come barzelletta.

Il Moscow Times ha riportato alcuni giorni fa una a dir poco curiosa dichiarazione del Ministro della Difesa russo, che ha parlato di una delle serie videoludiche più famose di tutti i tempi in termini particolarmente bellicosi e complottisti.

Kartapolov ha infatti parlato alla Duma (il parlamento in Russia, in poche parole) di Metal Gear, la serie ideata da Hideo Kojima e prodotta da Konami inaugurata nel 1987 e che conta innumerevoli capitoli fino al più recente, Metal Gear Survive, datato 2018.

Kartapolov non usa mezzi termini per parlare di Metal Gear, e delinea un quadro da Protesi di Complotto: Metal Gear è un prodotto sviluppato dagli Stati Uniti per controllare le coscienze delle persone e l’umanità intera.

I progetti di internet dei servizi speciali americani come RuNet Echo e Metal Gear sono creati per la manipolazione diretta delle coscienze del pubblico, specialmente verso i giovani.

Non contento del già imbarazzante strafalcione di cui è stato protagonista, Kartapolov rincara poi la dose nella stessa seduta alla Doma. In quello che sembra un clima da Guerra Fredda (ed ecco forse perché viene tirato in ballo proprio Metal Gear…), il ministro russo afferma che gli USA stanno dando fondo alle proprie tecnologie e sfruttando artisti, politici e personalità russe per screditare il governo attuale, e il gioco di Hideo Kojima, avendo spesso a che fare con il tema della guerra tra USA e Russia, sarebbe un lampante esempio di questa operazione americana contro il Cremlino.

Avete letto la nostra anteprima di Death Stranding, il nuovo gioco di Kojima?

Ora, lo sappiamo tutti: è (quasi) luglio, fa caldo, probabilmente anche in Russia, e il povero Kartapolov potrebbe essersi confuso sulla questione. Se invece anche a mente fredda ritiene di non aver detto qualche parola di troppo o di aver fatto degli errori clamorosi di valutazione (basterebbe il solo pensare che Metal Gear è ideato da un giapponese, sviluppato da giapponesi e prodotto da giapponesi, per screditare quanto detto dal ministro), consigliamo innanzitutto una prolungata sessione ad un qualsiasi gioco della serie (non i pessimi spin-off Ac!d, che potrebbero provocare ancora più dissapori), magari accompagnata da una bibita fresca o un gelato. Caro ministro, è ancora in tempo per rimediare alla figuraccia…

Fonte



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.