Super Mario Run online per iOS e Android

super mario run
Di Federico "Blue" Marchetti
9 Dicembre 2016

Super Mario Run è il primo mobile game con protagonista l’idraulico più famoso del mondo. Nel titolo visto al keynote Apple di Settembre, durante la presentazione di iPhone 7, saranno presenti 3 modalità che permetteranno di raccogliere le monete, sfidare i personaggi “fantasma” dei vostri amici e creare il Regno dei Funghi utilizzando le monete e i rospi raccolti nelle modalità precedenti. Super Mario Run è disponibile per iPhone, iPad e iPod Touch con versione iOS 8.0 o superiore. Il gioco richederà almeno 205 MB di spazio per essere installato. Ovviamente il peso potrà aumentare durante i mesi con il rilascio di nuovi aggiornamenti.

Adesso, la gente vivrà queste esperienze interattive con i propri device smart, e quindi compiamo la nostra missione di trasformare sempre più persone in giocatori. Stiamo utilizzando questa opportunità di offrire i nostri personaggi ad una vasta audience, e far godere loro il divertimento dei nostri giochi, sperando al contempo di riportarli sulle nostre piattaforme. -Shigeru Miyamoto

Curiosità: Super Mario Run è stato accusato di sessismo da alcune associazioni di categoria negli Stati Uniti. Qui i dettagli della vicenda.

Super Mario Run su Android

Insieme alla versione Android di Super Mario Run, è stato lanciato anche un nuovo aggiornamento che rende disponibili nuovi personaggi giocabili, gli Yoshi colorati. Completando alcuni minigiochi, infatti, potranno essere sbloccati diversi tipi di Yoshi che possono essere utilizzati nella modalità principale al posto di Mario.

Link al gioco su Play Store

Freschissimo di premiazione al Drago d’Oro 2017, il gioco viene scaricato gratuitamente e con l’accesso ai primi quattro livelli e alle modalità Sfide Toad e Regno. Se siete interessati a proseguire, potrete effettuare l’upgrade alla versione completa dopo aver pagato la cifra richiesta, esattamente come accade su iOS.

Connessione Internet attiva

Durante un’intervista Shigeru Miyamoto ha affermato che sarà impossibile giocare senza una connessione dati mobili o Wi-Fi. “Vediamo il nostro software come una risorsa molto importante, e vogliamo offrirlo agli acquirenti in maniera sicura” ha dichiarato il creatore. “Vogliamo che la connessione resti attiva durante il gioco nelle sue tre modalità, per fare in modo che queste funzionino correttamente ed insieme, ma anche per offrire un prodotto sicuro in termini di software”.

Proprio parlando di sicurezza, al creatore è stato chiesto se si rifacesse alla questione della pirateria, e Miyamoto ha affermato che è proprio così: in questo modo il gioco comunicherà sempre con i server di Nintendo anche nella modalità storia offline, in quanto questo sistema rende più veloce e meno dispendioso (in termini di consumo dati) il passaggio tra una modalità e un’altra.

Si tratta quindi di una scelta obbligata da parte di Nintendo, che vuole contrastare la pirateria ed offrire un prodotto ai soli effettivi acquirenti.

Vendite

Dopo aver scalato in poche ore la classifica delle app di Apple e aver demolito il record di Pokémon GO fatto registrare a luglio (il gioco sviluppato da Nintendo ha battuto nell prime 24 ore il rivale sviluppato da Niantic, Pokemon GO, Super Mario Run è stato scaricato da 2,85 milioni di utenti in confronto ai 900 mila di Pokemon Go), infatti, il titolo dedicato all’icona Nintendo ha subito un tracollo significativo nella classifica delle app più redditizie in USA.

La speciale classifica di App Store ha infatti posizionato Super Mario Run al 52° posto, ben lontano dunque dai risultati fatti registrare appena un mese fa. Il sito Sensor Tower ha messo in evidenza la posizione di Mario, sottolineando come le vendite non siano andate certamente nella direzione che Nintendo si aspettava.

Le cause? Il gioco è stato scaricato e acquistato da milioni di utenti nel mese di dicembre (non tutti però hanno deciso di spendere i 10€ richiesti dopo i tre livelli demo), quindi potrebbe essere normale un calo di questo tipo, anche se esagerato rispetto a tanti precedenti. Inoltre, acquistare il gioco completo non porta ad ulteriori guadagni, dato che non sono previsti livelli extra o DLC.

Nintendo ha affermato più volte che ha in programma il rilascio di altri titoli mobile: l’intenzione è stata ribadita durante l’evento di presentazione di Nintendo Switch.

Critiche pre-lancio

Il 14 ottobre è stato pubblicato l’episodio 41 del Pachter Factor, show di Michael Pachter, celebre analista del mondo della tecnologia e del digital entertainment.

L’analista americano, in questo episodio, ha rivolto le sue attenzioni verso Super Mario Run e verso l’ex presidente di Nintendo Satoru Iwata; per quanto riguarda le critiche al prossimo gioco mobile della casa nipponica, Patcher ha espresso il suo disappunto sulla scelta di rendere Super Mario Run un gioco Free-to-start e non Free-to-play, dichiarando che un ottima campagna pubblicitaria e di marketing non basta a far spendere circa 1000 euro per un iPhone.

Se questa critica è tutto sommato accettabile e da alcuni anche condivisibile, non lo è quella fatta al defunto Satoru Iwata, al quale Pachter si è rivolto dicendo che “non era poi così tanto in gamba”. Una critica rivolta soltanto alle scelte aziendali senza entrare nell’ambito personale, sarebbero state più gradite a tutti, ma si sa che il limite che separa la goliardia dalla maleducazione è spesso troppo sottile; la community, comunque, ha subito espresso la sua disapprovazione sulle parole di Pachter, costringendo lo stesso a delle scuse pubbliche via Twitter.

Da sottolineare è anche la reazione della rivista GoNintendo, la quale alla luce della mancanza di rispetto dell’analista americano non pubblicherà più sue dichiarazioni.

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale


Abbiamo parlato di: | |

Press play on tape: cresciuto a suon di C64 e Coin-op, mi diverto a seguire l'evoluzione videoludica next-gen. Co-Founder dell'universo Uagna, ho lavorato a fondo per far nascere una community videoludica di successo ma differente dalle altre esistenti. "Sono sempre pronto ad imparare, non sempre a lasciare che mi insegnino".




Scrivi un commento