[Recensione] Microsoft Flight Simulator

Di Federico "Blue" Marchetti
18 Agosto 2020

Microsoft Flight Simulator è stato il progetto più ambizioso di sempre, in termini di simulazione, ad essere realizzato. Per comprendere la vastità degli elementi presenti all’interno del videogioco basta riportare ciò che segue: il team di sviluppo, Asobo, ha utilizzato la piattaforma cloud di Microsoft, Azure, per trasferire da Bing al mondo virtuale una quantità di dati pari a 2 petabyte (circa 2.000.000 GB).

Detto ciò, non stupisce (e invece sì) vedere come i produttori siano stati in grado di realizzare un mondo virtuale, anzi, IL mondo virtuale: all’interno di Flight Simulator 2020 è infatti riprodotto in maniera realistica l’intero globo. Sì, anche casa vostra. Ma com’è possibile ciò?

Recensione a cura di Gianluca Rossi

Da New York City a Ribordone, fotogrammetria e A.I.

Come già anticipato nell’introduzione, il team di sviluppo Asobo, in collaborazione con Bing e Azure, è riuscito a ottenere una mappa completa del globo tramite immagini satellitari. L’intelligenza artificiale è stata poi in grado, tramite complessi algoritmi, di riprodurre in 3D gli alberi, le montagne e gli edifici ottenuti dalle mappe in 2D di Bing. Per quanto riguarda invece le città e gli aeroporti più celebri, è stata utilizzata la tecnica della fotogrammetria, con la quale è stato possibile riprodurre l’ambiente circostante nei minimi dettagli.

A questo punto è lecito porsi la seguente domanda: possiamo vedere la nostra casa, mentre sfrecciamo nei cieli di Flight Simulator? La risposta è sì, ma dipende molto da dove si abita e da come sono stati registrati i dati satellitari in quella determinata zona (se siete curiosi di sapere come si vedrà casa vostra cliccate qui e cercatevi sulla mappa, ma tenete conto che la riproduzione in 3D sarà chiaramente approssimativa). Insomma, in ogni caso siamo veramente arrivati a un livello di realismo assoluto.

Un prodotto qualitativamente esemplare

Il comparto tecnico di Microsoft Flight Simulator è uno dei migliori, se non il migliore, degli ultimi anni. Il livello grafico è semplicemente clamoroso, e permette al videogiocatore di immedesimarsi al 100% in quella che è stata pensata come un’esperienza da vivere a 360°. Oltre alla possibilità di volare sopra ogni città, monumento e paesaggio visibile al mondo, il contorno costituito da automobili in movimento, animali e meteo dinamico va a completare una realtà estremamente viva. Risulta doveroso parlare della gestione del meteo, il quale viene riprodotto seguendo i reali andamenti climatici, così da rendere l’esperienza di gioco ancora più fruibile e soddisfacente. Ogni componente meteorologica, inoltre, va a impattare in maniera sostanziale sul gameplay, oltre che sull’effetto grafico: a partire dalle nubi, passando per la pioggia, la neve e le tempeste, fino ad arrivare all’inquinamento atmosferico e luminoso. Le variazioni climatiche possono quindi portare a una scarsa visibilità, oppure a forti turbolenze e conseguenti difficoltà nella gestione del pilotaggio. Il ciclo giorno/notte viene simulato in tempo reale su scala globale, e perfino le stelle sono posizionate correttamente in base all’emisfero in cui ci si trova. Tutti questi elementi possono inoltre essere gestiti interamente dall’utente, il quale ha la possibilità di personalizzare in maniera completa la propria esperienza di volo. Come descrivere questo titolo con un aggettivo? Immersione.

Per poter godere della migliore esperienza è inevitabilmente necessario possedere una configurazione di alto livello, la quale possa permettere di mantenere i dettagli al massimo e un buon numero di FPS. Noi abbiamo provato la copia review di Microsoft Flight Simulator fornita da Microsoft su un PC dotato di processore Intel Core i7-3770 3.4Ghz, con una scheda video Gigabyte RTX 2070 8 GB, RAM da 16GB DDR3 e un SSD Samsung 860 Pro da 1TB. Inoltre, è consigliato avere a disposizione una connessione Internet da almeno 5 Mbit, poiché il mondo virtuale viene riprodotto in streaming proceduralmente, mentre si gioca. Il simulatore sarà anche in grado di regolare il traffico che si riceve in base alla propria linea, così da non appesantire troppo la connessione. È possibile naturalmente giocare anche offline, ma l’ambiente circostante ne risentirà notevolmente dal punto di vista grafico. Insomma, sicuramente non è un prodotto in grado di girare al massimo su ogni tipo di configurazione, ma è possibile provare ad abbassare il livello dei dettagli per ottenere un buon numero di FPS anche su computer che non hanno componenti di ultima generazione.

Flight Simulator 2020 è un gioco per tutti?

Prima di tuffarci all’interno del gioco per provare a dare una risposta, è doveroso ricordare che Microsoft Flight Simulator è un simulatore di volo, il quale ha come obiettivo principale quello di fornire un’esperienza il più realistica e concreta possibile. Detto questo, il videogioco propone una serie di tutorial mirati ai più inesperti, i quali si avvicinano per la prima volta a questo mondo. Gli addestramenti disponibili al momento sono otto e, attraverso un istruttore virtuale, permettono all’utente di avere un’infarinatura generale sulle meccaniche di volo. I comandi di base vengono illustrati e spiegati in maniera completa, così come gli strumenti disponibili nei velivoli più semplici. Anche le spiegazioni sulle manovre di decollo e di atterraggio sono realizzate efficacemente, e preparano il videogiocatore a una navigazione in solitaria che testa le abilità acquisite tramite gli addestramenti. I tutorial forniti, però, non affrontano in maniera completa tutte le meccaniche e le sfaccettature presenti all’interno del simulatore; sarebbe utopistico, in realtà, provare a guidare un Boeing 787 dopo aver seguito esclusivamente le esercitazioni di base. Questo potrebbe scoraggiare coloro che si stanno avvicinando solo ora al mondo dei simulatori di volo, ma crediamo che in poche settimane si potrà creare una comunità composta anche da giocatori esperti, i quali probabilmente realizzeranno delle guide su come gestire ogni singola funzionalità che Microsoft Flight Simulator può offrire. Ricollegandoci alla profondità e alla completezza di questo titolo, è giusto notare che, anche nei velivoli più complessi e articolati, sarà possibile avere un controllo totale del mezzo: il cockpit (ovvero la cabina di pilotaggio) di ogni aereo è infatti riprodotto nei minimi dettagli con pulsanti e funzioni totalmente regolabili.

Oltre alla normale mappa del mondo, dalla quale si potrà scegliere un aeroporto di partenza e uno d’arrivo per affrontare un volo classico, sono presenti anche delle attività che permetteranno ai giocatori di valutare le proprie abilità imbattendosi in delle sfide particolari:

  • Gli eventi attuali, i quali cambieranno con intervalli di tempo regolari. Possono essere delle sfide di atterraggio o di rotte particolarmente problematiche. Dispongono di una classifica che riporta i punteggi migliori raggiunti dagli utenti.
  • Sfide di atterraggio in condizioni difficili.
  • Escursioni in località remote.

Flight Simulator 2020 offre quindi la possibilità di staccare dal semplice volo da una località all’altra, fornendo continuamente nuove sfide e contenuti. Nel menu principale, oltre a ciò, si può accedere al profilo del pilota, il quale riporta le statistiche del giocatore, le medaglie e i riconoscimenti ottenuti dall’utente nel momento in cui vengono raggiunti determinati obiettivi. È anche presente un giornale di bordo su cui vengono segnati tutti i viaggi intrapresi. Oltre al classico negozio in-game con aeroporti e aerei esclusivi, è disponibile anche un hangar in cui sono esposti tutti i velivoli in nostro possesso con le relative caratteristiche e diversi riferimenti alla loro storia.

Anche le opzioni di gioco sono estremamente profonde e permettono di personalizzare nei minimi dettagli l’aspetto grafico, i comandi e le funzionalità generali. Sempre in questa sezione è possibile selezionare anche il livello di dati ricevuti in tempo reale (relativi al meteo e agli aerei realmente in volo); si può inoltre scegliere se vivere un’esperienza locale, in solitaria, o se partecipare a un mondo multiplayer in cui altri videogiocatori pilotano il proprio aereo. È arrivato allora il momento di chiedersi: Microsoft Flight Simulator è il simulatore di volo definitivo?

Un titolo pensato per pochi, fruibile da chiunque

Siamo arrivati alle conclusioni. Prima, però, bisogna riflettere ancora su un aspetto che non era affatto scontato: la fruibilità. Microsoft Flight Simulator, come abbiamo voluto ricordare in questa recensione, è un simulatore che punta al realismo assoluto, con una profondità (e conseguente difficoltà) che, qualcuno pensa, potrebbe essere gradevole solo per i più esperti, ma non è così. Asobo e Microsoft non hanno tralasciato nulla e, introducendo una vasta serie di aiuti e consigli, potrebbero far avvicinare diversi giocatori casual a questo mondo. Gli appassionati da diverso tempo, invece, saranno estremamente soddisfatti di avere tra le mani quello che realmente pare essere il simulatore di volo definitivo: dal livello di aiuti riducibile a piacere, al traffico aereo, fino ad arrivare alle comunicazioni con le torri di controllo, Flight Simulator 2020 sembra veramente essere il prodotto definitivo che moltissime persone stavano aspettando da ormai troppi anni.

PUNTI DI FORZA

  • Il miglior simulatore di volo ad oggi
  • Fruibile anche dai meno esperti
  • Realismo ai massimi livelli

PUNTI DEBOLI

  • Richiesta di componenti dispendiosa
  • Strumentazione incompleta per gli esperti di volo
  • Alcune meccaniche andrebbero approfondite

Ciò che stupisce è come Asobo, nonostante il gioco sia stato appena rilasciato, abbia già dichiarato di stare lavorando ad aggiornamenti futuri, i quali renderanno il titolo ancora più completo e longevo. Ad esempio, tra le idee degli sviluppatori, ci potrebbe essere l’aggiunta dei danni visibili al velivolo, i quali, al momento, non sono disponibili. Si parla anche di una possibile campagna single player, della quale però non si sa ancora nulla. Il team di sviluppo ha portato a termine un progetto estremamente ambizioso, di livello assoluto, con uno dei comparti tecnici più avanzati di sempre e con un livello di realismo mai toccato fino ad oggi. Quello che manca per raggiungere il 10 è probabilmente una maggiore presenza di guide e tutorial che permettano di comprendere a pieno il potenziale di un videogioco che, per il resto, è veramente un capolavoro.

Ricordiamo i requisiti minimi:

CPU: Ryzen 3 1200 / Intel i5-4460
GPU: Radeon RX 570 / NVIDIA GTX 770
RAM: 8 GB
HDD: 150GB
Velocità Internet: 5 Mbps

Requisiti consigliati:

CPU: Ryzen 5 1500x / Intel i5-8400
GPU: Radeon RX 590 / NVIDIA GTX 970
RAM: 16 GB
SSD: 150GB
Velocità Internet: 20 Mbps

Requisiti ideali per Microsoft Flight Simulator:

CPU: Ryzen 7 Pro 2700x / Intel i7-9800x
GPU: Radeon VII / NVIDIA GTX 2080
RAM: 32 GB
SSD: 150GB
Velocità Internet: 50 Mbps

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale


Abbiamo parlato di: | |

Press play on tape: cresciuto a suon di C64 e Coin-op, mi diverto a seguire l'evoluzione videoludica next-gen. Co-Founder dell'universo Uagna, ho lavorato a fondo per far nascere una community videoludica di successo ma differente dalle altre esistenti. "Sono sempre pronto ad imparare, non sempre a lasciare che mi insegnino".




Scrivi un commento