We have a DrE3am – Electronic Arts all’E3 2019

Di Ruggiero
13 Maggio 2019

Non manca ormai molto all’E3 2019, la kermesse più importante dell’anno dedicata interamente al mondo dei videogiochi. L’edizione di quest’anno si svolgerà dall’11 al 14 Giugno ma vedrà l’assenza di Electronic Arts, che ha deciso di tenere un evento privato in diretta streaming, l’EA Play, in programma invece per il periodo 7-9 Giugno. E proprio a EA dedicheremo il primo appuntamento della nostra rubrica We Have a DrE3am, in cui analizzeremo i titoli confermati e le indescrizioni che ci attendono in vista dell’E3.

E3 2019 | Date e orari di tutte le conferenze

LE CERTEZZE

Tra le presenze certe alla conferenza di EA ci sono sicuramente i titoli sportivi. Oltre all’annuncio dell’edizione 2020 di Madden, NHL e NBA Live, Electronic Arts darà molto spazio anche alla presentazione del prossimo FIFA, protagonista recentemente di alcuni rumor importanti. In prima analisi, il prossimo volto copertina del gioco potrebbe essere Son Heung-min, attaccante del Tottenham che vedremo protagonista contro il Liverpool nella finale di Champions League tutta inglese del 1 Giugno. Se pensiamo alla storia recente dell’azienda americana, la scelta di un giocatore come Son, ottimo atleta ma meno mainstream rispetto ai vari Messi e CR7, è una piccola, apprezzabile, inversione di tendenza. Le voci di corridoio parlano inoltre della possibilità che FIFA 2020 includa anche il meteo dinamico, mentre non si sa ancora nulla in merito alla modalità “Il Viaggio”. Al momento non ci è dato sapere se sarà presente nel gioco e su chi si focalizzerà (diremo addio ad Alex Hunter?), rimandiamo quindi le nostre valutazioni all’EA Play.

Passando al lato action, un altro assoluto protagonistà del prossimo EA Play sarà Star Wars: Jedi Fallen Order, titolo in singleplayer previsto per il 15 Novembre su console e PC. Il gioco di Respawn Entertainment, tra i più attesi del 2019, promette un’esperienza degna del brand di cui porta il nome, per un rilancio videoludico importante dopo le controversie legate a Battlefront. Jedi Fallen Order seguirà le vicende di Cal Kestis, un Jedi sopravvissuto all’Ordine 66 (il protocollo con cui Palpatine spazzò via la Repubblica e i Jedi, dando vita all’Impero) che dovrà fare i conti con il proprio passato e con un addestramento ancora da completare. Il cuore del gameplay sarà orientato verso l’action più puro, senza fasi stealth di sorta, e farà della solidità il suo punto di forza, stando agli sviluppatori. Pur non avendo potuto avere un assaggio di gameplay vero e proprio, possiamo già immaginare che tipo di esperienza ci si porrà davanti pad alla mano, data anche la presenza di Chris Avellone – tra le altre figure di spicco – in qualità di sceneggiatore, il che ci conferma la preponderanza dell’elemento narrativo in questa nuova produzione legata a Star Wars.

Anche Apex Legends sarà tra i protagonisti del prossimo EA Play con nuovi annunci riguardanti la Stagione 2, nuovi contenuti del Battle Pass e un possibile reveal della versione mobile del gioco, tutte informazioni svelate da EA durante l’ultima intervista con IGN, quindi piuttosto attendibili. Quasi del tutto improbabile invece l’annuncio di un Titanfall 3, il cui sviluppo ha subito una momentaneo rallentamento, a detta della stessa Electronic Arts, a causa dell’improviso successo di Apex e della relativa mole di lavoro che ciò ha comportato. In ogni caso rimaniamo aperti a possibili sorprese.

In aggiunta ai titoli menzionati in precedenza, potrebbe esserci spazio ulteriore per degli annunci inattesi. Una recente relazione finanziaria del colosso americano ha confermato che un nuovo Need For Speed e Plants Vs. Zombies: Garden Warfare 3 arriveranno sugli scaffali dei negozi tra Settembre e Dicembre, motivo per cui possiamo aspettarci di saperne di più a brevissimo.

I NOSTRI DESIDERI

Come da titolo, in questi paragrafo ci soffermeremo su quello che noi redattori vorremmo vedere da EA durante la conferenza. Tanti sono i franchise della società americana che ci hanno fatto divertire negli anni ma, più di tutti, Burnout è quello che vorremmo vedere nuovamente alla ribalta. La serie di “corse a incidenti” è tornata sotto i riflettori l’anno scorso con la remastered di Paradise e potrebbe ancora dire la sua con un comparto grafico innovato, qualche miglioria di gameplay e, magari, un online solido.

Come dimenticarsi poi di FIFA Street? Lo spinoff calcistico si è dimostrato, a suo tempo, un ottimo passatempo e un suo ritorno sarebbe graditissimo al grande pubblico, al pari di un nuovo Dragon Age. La questione legata al titolo di BioWare è tuttavia parecchio complicata al momento. I problemi legati ad Anthem e Mass Effect Andromeda hanno posto la casa di sviluppo in una posizione molto delicata e non dimentichiamo che la pubblicazione del teaser del quarto capitolo, durante gli ultimi The Game Awards, non era stata totalmente autorizzata dai dirigenti EA. Forse passeranno parecchi anni prima di un nuovo capitolo della serie ruolistica ma noi non molliamo la speranza.



Gamer sin dalla tenera età, è impegnato nel tentativo di trasformare la sua passione in lavoro. Scrive di videogiochi con lo stesso entusiasmo che Carlos Matos ha per la vita.