FIFA 16 Vs PES 2016 – Chi è il migliore?

Di Marco "Bounty" Di Prospero
24 settembre 2015

Bentornati su Uagna.it, il sito in cui potrete trovare ogni news sul mondo videoludico oltre a tantissime guide e ad articoli di approfondimento, riguardanti videogiochi, tecnologia e molto altro ancora. Quest’oggi affronteremo un argomento abbastanza piccante. Cercheremo infatti di dare una risposta definitiva su quale sia il miglior gioco calcistico della stagione 2015/2016; naturalmente facciamo riferimento a FIFA 16, sviluppato da EA e rilasciato il 24 Settembre su PS3, PS4, Xbox360, Xbox One e PC e PES 2016, sviluppata da Konami e disponibile dallo scorso per i dispositivi citati poco sopra. Dopo questa piccola premessa possiamo iniziare subito ad analizzare i diversi aspetti che distinguono i due titoli.

GAMEPLAY

Iniziamo il confronto partendo dal gameplay, probabilmente uno degli aspetti fondamentali in un gioco di simulazione calcistica, oltre alla grafica, che analizzeremo in seguito. In FIFA 16 le movenze sono pressoché le stesse rispetto a FIFA 15. Questo non significa che il gioco non sia migliorato ma semplicemente che il feeling che avevamo neymar pes2016nell’utilizzare un giocatore in FIFA 15, lo si riscontra anche in questo nuovo capitolo. Tuttavia, sono da sottolineare un miglioramento della difesa e degli inserimenti degli attaccanti o degli esterni. Per quanto riguarda i difensori infatti, questi potranno essere ora gestiti a 360°, cosa che prima era possibile solo per chi aveva la palla tra i piedi. Per quanto riguarda gli inserimenti invece, questi saranno molto più frequenti rispetto al passato, permettendovi di costruire azioni più veloci e di far utilizzo di passaggi triangolari che vi porteranno verso la porta avversaria. Altro miglioramento riguarda la fisica della palla, e in particolare il suo effetto, ora più verosimile rispetto al passato. I tiri da fuori saranno sempre possibili, ma sarà molto difficile segnare da fuori area o addirittura da centrocampo, come avveniva più e più volte su FIFA 15. Passando a parlare invece di PES 2016 non possiamo negare che non siano stati apportati dei miglioramenti. I giocatori adesso si muovono in modo molto più realistico, grazie al movimento a 360°, inserito all’interno del gioco da circa due anni. Purtroppo però, nonostante l’assenza dei binari, i giocatori, in alcuni frangenti, mostrano un movimento piuttosto legnoso, anche se è stato fatto un gran passo avanti rispetto al passato. Rimangono però evidenti problemi legati alla difesa, che molto spesso è solita lasciare degli spazi che possono essere facilmente intaccati con un passaggio filtrante che vi metterà a tu per tu contro il portiere avversario. Infine anche la fisica della palla non sembra proprio ottimale, sembrano fin troppo leggera quando si calcia in porta.

GRAFICA

Passiamo ora ad analizzare la grafica dei due titoli. Iniziamo col dire che in FIFA 16, non sono stati portati molti cambiamenti grafici rispetto al suo predecessore. Gli unici miglioramenti infatti, riguardano semplicemente alcuni aspetti dei giocatori, leggermente ritoccati rispetto al passato, mentre altri volti non si avvicinano nemmeno alla loro controparte reale (Guarin ad esempio). Per quanto riguarda campi e tifoserie, non vi è stato nessun miglioramento degno di nota; insomma il motore grafico “Ignite” sembra aver raggiunto il suo massimo. Parlando invece di PES 2016, bisogna sottolineare senza dubbio la potenza del motore grafico “Fox Engine“, che riesce a creare giocatori i cui volti sono praticamente identici alla loro controparte reale, tranne qualche eccezione.

Per quanto riguarda la risoluzione invece, entrambi i titoli girano a 1080 p e a 60 FPS su current-gen.

LICENZE

Nei due paragrafi precedenti, i due giochi sembravano quasi alla pari (miglior gameplay per FIFA 16 e miglior grafica per PES 2016). Per quanto riguarda le licenze però, il titolo targato EA si trova senza dubbio una spanna sopra al rivale. Infatti, come ormai da qualche anno a questa parte, FIFA 16 ha tutte le licenze dei campionati più importati, a cui sono state aggiunte anche le nazionali femminili. In PES 2016 invece, come nel suo predecessore del resto, mancano licenze importantissime, come quella del campionato inglese, in cui l’unica squadra licenziata è il Manchester United, mentre le altre hanno nomi fittizi e maglie non fedeli alla realtà.

pes2015_stadium_e32u_1920

Da sottolineare tuttavia, le licenze della Champions League e dell’Europa League anche se, paradossalmente, molte delle squadre che giocano queste competizione, non hanno la licenza o non sono presenti all’interno del titolo. Anche per quanto riguarda gli stadi, FIFA 16 ha la meglio sul titolo targato Konami, contando ben 50 stadi contro i 23 (di cui solo 13 con licenza) del rivale.

TELECRONACA E MODALITA’

Per quanto riguarda la telecronaca e le modalità, ci troviamo pressoché allo stesso livello. Per quanto riguarda FIFA 16, la telecronaca è affidata a Pierluigi Pardo e Stefano Nava mentre su PES 2016 a Fabio Caressa e Luca Marchegiani. Le differenze tra le due telecronache sono praticamente nulle, ma va comunque sottolineato che quella di FIFA 16 sembra leggermente più fluida mentre in PES 2016, potreste sentire dei cambi di toni tra una frase e l’altra, niente che intacchi in modo sostanziale l’esperienza di gioco. Passando invece alle modalità dei due titoli invece, non possiamo darvi una risposta su quale titolo abbia le modalità migliori, in quanto queste sono molto simili tra di loro. Tuttavia, possiamo consigliarvi PES 2016 per le modalità offline, più elaborate e manageriali e FIFA 16 per quelle online, grazie anche alla nuovissima modalità FUT Draft (per maggiori informazioni clicca qui).

CONCLUSIONI

Abbiamo cercato di decretare il miglior gioco calcistico tra FIFA 16 e PES 2016, cercando di essere il più oggettivi possibile. A nostro avviso, anche per questa “stagione”, il miglior titolo rimane FIFA 16, anche se bisogna sottolineare il grande passo avanti fatto dal titolo realizzato da Konami, che ha visto sostanziali miglioramenti per quanto riguarda gameplay e grafica. Purtroppo fino a quando Pro Evolution Soccer non riuscirà ad ottenere delle licenze valide, questo sarà destinato a perdite a meno che non saranno apportate notevoli modifiche a tutta la struttura del gioco, considerando che parte da un ottimo motore grafico. Naturalmente se preferite giocare con le modalità offline preferirete comunque PES 2016, che riesce a trasmettere un’esperienza di gioco molto più appagante.



Sono uno studente di economia e commercio che ama passare parte del tempo libero davanti ad una console. Considero il videogioco come una forma d'arte, in grado di trasmettere valori e emozioni, che permette di "mettere in pausa" la vita stressante di tutti i giorni. Spero di poter condividere con tutti voi questa mia passione e di farvi conoscere il mondo del gaming.