[Recensione] Star Wars: The Bad Batch 1×01

Di Andrea "Geo" Peroni
4 Maggio 2021

A cura di D. Mazzoni.

May the 4th be with you!

Anche quest’anno lo Star Wars Day è arrivato, anno in cui vedranno la luce alcune tra le nuove serie annunciate dalla Disney, tra cui Star Wars: Visions e The Book of Boba Fett, quest’ultimo annunciato a sorpresa alla fine dell’ultimo esplosivo episodio della seconda stagione di The Mandalorianqui potete trovare maggiori dettagli sulle serie in arrivo nel 2021. E per festeggiare la ricorrenza del 4 maggio, la Disney ha deciso di deliziarci con l’arrivo della prima puntata della nuovissima The Bad Batch, per l’occasione della durata di 70 minuti, anziché dei circa 20 delle prossime puntate.

Per chi non avesse ancora visto la stagione 7 di Star Wars: The Clone Wars (in quel caso, mi raccomando, recuperate al più presto) o per chi semplicemente avesse bisogno di un ripasso, The Bad Batch è il nome con cui è nota la Clone Force 99, una squadra speciale di 4 clone commando (le loro armature infatti non sono quelle dei cloni regolari) geneticamente modificati così da migliorare ed enfatizzare certe caratteristiche. La squadra è formata da Hunter, il leader del gruppo, i cui sensi sono stati resi più acuti del normale, Crosshair, che possiede una vista e un’abilità di tiro eccezionale, Wrecker, l’”Hulk” della situazione, dalla forma fisica aumentata e Tech, che eccelle tra gli altri per la sua intelligenza. Degno di nota è ricordare che il 99 del loro nome è in ricordo del clone chiamato proprio 99, anch’esso mutato ma a causa di malformazioni e difetti genetici, che si sacrificherà in aiuto dei suoi compagni durante l’invasione di Kamino.

A loro, si unirà poi Echo, una vecchia conoscenza per chi appunto ha seguito The Clone Wars fin dall’inizio; ritenuto in precedenza morto, si scoprirà invece che non è così, tenuto in vita dai Separatisti e trasformato in cyborg in modo da poterne sfruttare le sue conoscenze tattiche contro le armate della Repubblica. Verrà poi salvato proprio dalla Clone Force 99, di supporto al capitano Rex e ad Anakin Skywalker; e proprio per il fatto di essere ormai più macchina che umano, e quindi considerato “diverso”, si unirà ai nostri 4 nuovi amici che lo accoglieranno tra loro, anch’essi considerati come dei diversi dagli altri cloni.

Ed è proprio su questa loro diversità e la “rivalità” con i loro “fratelli” cloni, che si baserà l’inizio della prima puntata della serie, da questi ultimi ritenuti come creazioni inferiori e “freaks”, nonostante la loro netta superiorità in battaglia. Ambientata nel pieno dell’azione durante la fine delle Guerre dei Cloni, l’esecuzione dell’Ordine 66 e la formazione dell’Impero Galattico, i nostri dovranno confrontarsi proprio con l’ordine impartito da Palpatine a danno di tutti i Jedi. Fin dall’inizio della puntata quindi, siamo subito catapultati nel mezzo dell’azione, in cui questa piccola squadra di 5 elementi darà prova ancora una volta di valere come un intero plotone. Ritroveremo poi anche il pianeta Kamino, il loro pianeta natale, dove, come già visto nel trailer, saranno sottoposti ad una prova di combattimento da Wilhuff Tarkin, inviato sul pianeta per valutare l’efficienza del cloni. Qui faremo anche la conoscenza di Omega, la quale sembra già conoscere molto bene i membri della Clone Force 99, e che si rivelerà molto importante per loro.

Ma il tempo per il riposo non sarà molto, dato che l’azione si sposterà verso una nuova missione, in cui dovranno dimostrare la loro fedeltà verso il neonato Impero.

Dall’annuncio della serie ad oggi, molte sono state le teorie su come questi cloni modificati avrebbero reagito all’Ordine 66 e perché, e dall’arrivo del trailer è stato subito chiaro che, grazie alla loro indole di insubordinati, l’Impero Galattico non avrà il loro supporto. Il chip inibitore impiantato in tutti i cloni entra quindi in azione raccontando gli eventi paralleli a Episodio III: La vendetta dei Sith, così come era stato per la stagione 7 di The Clone Wars, e a causa di questo non saranno più gli stessi; se durante The Clone Wars abbiamo imparato ad amarli e a provare simpatia per loro, ora l’attivazione del chip ce li ha resi ostili, così come sono ostili verso chiunque altro. Ma riusciranno davvero tutti e 5 i protagonisti a resistere alla sua influenza? Oppure per qualcuno si rivelerà arduo, se non impossibile? A questa domanda, anche se durante l’episodio lo potremo intuire, avremo una risposta definitiva durante le scene finali, anch’esse ricche di azione come ormai siamo abituati.

Se già conoscete bene il mondo di Star Wars e avete visto tutti i film e le serie tv, vi farà sicuramente piacere vedere il ritorno di alcuni personaggi molto amati dai fan già a partire dall’inizio, alcuni già visti nel trailer, ma ci saranno anche altre gradite sorprese.

I fan di Star Wars e in particolare di The Clone Wars accoglieranno probabilmente con gioia l’arrivo di questa nuova serie, e non rimarranno delusi da questa prima puntata e da tutte le avventure che ci aspetteranno sicuramente nelle successive, con la speranza di eguagliare la qualità delle produzioni del franchise dell’ultimo anno e mezzo circa (vedi The Mandalorian e The Clone Wars stagione 7).



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento