Verso Rogue Squadron e oltre: tutto quello che sappiamo sui prossimi film di Star Wars

Di Andrea "Geo" Peroni
4 Maggio 2021

È quel giorno dell’anno. È quel particolarissimo giorno dell’anno, il 4 maggio, che chiama a raccolta tutti i fan della Galassia lontana lontana. È lo Star Wars Day.

Inaugurato per la prima volta nel 2011, la particolare “festività” è un modo scelto dai fan di Guerre Stellari di tutto il mondo per ricordare e celebrare una delle storie più conosciute e amate di sempre, che negli anni si è fatta avanti in tutti i modi possibili tra cinema, TV, fumetti, romanzi, arte e cultura.

Quest’anno abbiamo deciso anche noi di festeggiare in grande stile lo Star Wars Day 2021, sia perché da oggi su Disney+ è arrivata la nuovissima serie animata The Bad Batch, spin-off di The Clone Wars, sia perché… Beh, perché è Star Wars!

LEGGI ANCHE: la recensione del primo episodio di Star Wars: The Bad Batch!

E visto che Star Wars è soprattutto cinema, abbiamo deciso di guardare alla sala e ordinare un po’ le idee. Nel Natale del 2023, dando il via a un’alternanza con i film del franchise di Avatar, la Galassia ideata da George Lucas tornerà sul grande schermo, e lo farà ancora per tante altre volte in futuro.

Lucasfilm ha già avuto modo, in varie occasioni, di parlare di ciò che sarà il futuro cinematografico di Star Wars dopo Episodio IX: L’ascesa di Skywalker, un divenire che vuole chiaramente espandere le infinite possibilità di questo universo narrativo.

Direi quindi di non dilungarci troppo con il cappello introduttivo, e passare subito alle cose serie: vi raccontiamo tutto quello che (oggi) sappiamo sui prossimi film di Star Wars!

Star Wars: Rogue Squadron

A conti fatti, questa è l’unica, vera certezza tra i numerosi film di Star Wars già pianificati per i prossimi anni. Ma andiamo con ordine.

Nel dicembre dello scorso anno, durante il Disney Investor Day 2020 trasmesso in streaming, Lucasfilm ha annunciato ufficialmente il titolo e i primi dettagli di quello che sarà a tutti gli effetti il primo film non facente parte della saga degli Skywalker – alla quale leghiamo anche gli spin-off Rogue One e Solo – ma che avrà ovviamente a che fare con lo stesso e sconfinato universo narrativo. Il film uscità al cinema nel periodo di Natale del 2023.

Star Wars: Rogue Squadron sarà scritto e diretto da Patty Jenkins, e già di per sé il film avrà un importante ruolo nella storia del franchise. Si tratterà infatti della prima pellicola diretta da una regista donna, dopo che già la serie The Mandalorian ha visto importanti nomi dietro la macchina da presa come Bryce Dallas Howard per alcuni episodi. Per la Jenkins, da alcuni anni impegnata sul franchise di Wonder Woman di cui si occuperà anche del terzo e ultimo film, si tratta di una grandissima soddisfazione lavorativa, come ha dichiarato la stessa regista dopo l’annuncio di Rogue Squadron da parte di Kathleen Kennedy (fonte):

È stato un sogno di una vita come regista un giorno fare un grande film pilota di combattenti. […] Quando la storia perfetta è arrivata in combinazione con un altro mio vero amore, l’incomparabile mondo di Star Wars, sapevo di aver finalmente trovato il mio prossimo film. Sono estremamente onorata ed entusiasta di accettarlo e sono grata a Lucasfilm, Disney e ai fan per avermi trasmesso questo brivido.

Nulla sappiamo sul cast del film, ben poco invece sulla storia – e considerate che si tratta del film di cui conosciamo più dettagli, dunque capirete che il futuro cinematografico di Star Wars è ancora ampiamente incerto per noi spettatori.

Stando a quanto riportato dal sito ufficiale del franchise dopo l’annuncio ufficiale, Star Wars: Rogue Squadron introdurrà una nuova generazione di piloti di caccia stellari impegnati in missioni ad alto rischio, “portando la saga nell’era futura della galassia”. Quest’ultimo dettaglio sembra abbastanza indicativo del fatto che il film di Patty Jenkins sarà ambientato cronologicamente dopo gli eventi di Episodio IX: L’ascesa di Skywalker, e che porterà sul grande schermo nuovi personaggi dello squadrone Rogue.

Mentre non è da escludere un ritorno sulle scene di Poe Dameron (Oscar Isaac), viste le sue notevoli doti di pilota ampiamente dimostrate nell’era Rise of the First Order (e non più semplicemente Trilogia Sequel, come testimonia la nuova timeline ufficiale), sarà interessante capire dal film di Patty Jenkins se la Nuova Repubblica ritroverà una certa stabilità dopo la catastrofica ascesa del Primo Ordine di Snoke prima e Kylo Ren poi, e se il governo tornerà a guidare la galassia. L’epoca della Nuova Repubblica, in realtà, si colloca tra la caduta dell’Impero e la nascita del nuovo ordine di Snoke, ma ciò non toglie che con la seconda caduta di Palpatine tutto possa essere tornato a una relativa tranquillità.

Sebbene queste siano solo supposizioni, sembra abbastanza sicuro affermare che Star Wars: Rogue Squadron non avrà granché a vedere con l’omonimo videogioco di LucasArts pubblicato nel 1998, e ambientato tra gli eventi di Una nuova speranza e L’Impero colpisce ancora. Sebbene i temi saranno forse similari, non ci aspettiamo di vedere lo storico squadrone Rogue in azione, che nel gioco comprendeva Luke Skywalker, Wedge Antilles, Dak Ralter, Wes Janson, Zev Senesca e Derek Klivian.

Lo Star Wars di Taika Waititi

Era già stato annunciato molto prima del Disney Investor Day 2020, e proprio a causa della mancanza di notizie sembrava che il progetto potesse essere stato accantonato. Niente di tutto ciò, e anzi Kathleen Kennedy, boss di Lucasfilm, ha confermato ufficialmente che il Premio Oscar Taika Waititi è attualmente impegnato a scrivere la sceneggiatura, insieme a Krysty Wilson-Cairns (1917), di un inedito film di Star Wars, del quale sarà anche regista. Poiché si tratta dell’unico film del franchise annunciato, seppur manchi un titolo vero e proprio, possiamo pensare che si tratterà della pellicola scelta per la finestra del Natale 2025.

Il regista di Jojo Rabbit, attualmente impegnato su Thor: Love and Thunder per i Marvel Studios, non è nuovo all’universo di Star Wars avendo già diretto l’episodio 1×08 di The Mandalorian, ma stavolta avrà a che fare con un progetto tutto suo nel quale scaturirà inevitabilmente l’indole grottescamente comica delle sue opere. Queste le parole di Kathleen Kennedy alla presentazione del film:

L’approccio di Taika a Star Wars sarà fresco, inaspettato e… unico. Il suo enorme talento e il suo senso dell’umorismo garantiranno al pubblico una pellicola indimenticabile.

Premettendo quindi che si tratterà di un film molto diverso dai classici lungometraggi della saga a cui siamo abituati,e che potrebbe spingersi notevolmente nel campo della commedia tanto cara all’acclamato regista, possiamo fare qualche ulteriore considerazione sullo Star Wars di Waititi. Tutto quello che abbiamo oggi, a conti fatti, di questo film, è il logo, che potete vedere di seguito.

Come potete ben vedere, si tratta di un logo già di per sé notevolmente diverso da quelli a cui siamo abituati per la saga di Star Wars, e il cui aspetto “roccioso” e più arcaico, se possibile, potrebbe far presagire che il film scritto e diretto dal regista di Thor: Ragnarok andrà a esplorare un periodo storico molto lontano nel tempo per la Galassia, forse addirittura antecedente alla nascita dei Jedi e dei Sith.

Naturalmente però queste sono solo supposizioni; la verità è che non c’è davvero nulla di certo sulla futura pellicola di Taika Waititi, ed è probabile che non ne sapremo nulla ancora per almeno un paio d’anni.

La trilogia di Rian Johnson

Gli ultimi Jedi doveva ancora approdare nei cinema, eppure alla fine del 2017 Lucasfilm annunciò che Rian Johnson, sceneggiatore e regista di Episodio VIII, avrebbe scritto una nuovissima trilogia di film di Star Wars totalmente slegata dalla Saga degli Skywalker. Dopodiché, silenzio stampa per oltre tre anni.

La mancanza di novità al Disney Investor Day 2020, nonostante la presenza di Star Wars: Rogue Squadron e del film di Taika Waititi, fece pensare che la trilogia di Rian Johnson avesse fatto la triste fine di quella che avrebbero supervisionato Benioff & Weiss, sceneggiatori della serie TV Game of Thrones che nel 2019 hanno chiuso in anticipo il rapporto lavorativo con Lucasfilm per la sovrapposizione degli impegni presi con Netflix.

In realtà, a febbraio è stato lo stesso regista di Knives Out – Cena con delitto a ribadire all’autrice Sariah Wilson che l’inedita trilogia di Star Wars è ancora in sviluppo, anche se ovviamente in questo caso si parla di un progetto a lunghissimo termine.

Johnson, nel recente aggiornamento sullo stato dei lavori, ha comunque ribadito che Lucasfilm “sta cercando di capire cosa fare e quando farlo”, e quindi, come abbiamo appena ricordato, l’arrivo di questo ricco progetto potrebbe essere ancora lontano. In questo momento, comunque, Lucasfilm non ha come priorità principale la produzione di una trilogia, in quanto dopo la conclusione della Saga degli Skywalker e il non esaltante esito della terza tornata di episodi al cinema, lo studio ha optato per più film standalone e soprattutto tante serie TV come Ahsoka, The Book of Boba Fett e The Acolyte, che si occuperanno di espandere l’universo narrativo del franchise. Se ne riparlerà, con buona probabilità, nel prossimo decennio, o comunque dopo il 2027.

In merito alla possibile ambientazione, Kathleen Kennedy, all’epoca dell’annuncio, si limitò ad affermare che la storia avrebbe esplorato angoli mai visti prima della Galassia:

Nello sviluppo di questa nuova trilogia, che sarà separata dalla saga degli Skywalker, Johnson introdurrà  nuovi personaggi da un angolo della galassia che la storia di Star Wars non ha mai esplorato.

Non è chiaro però se questo angolo della galassia sia un riferimento spaziale o temporale all’universo di Star Wars. A questo punto, ci sono ovviamente due opzioni possibili per la trilogia di Johnson. La prima è che il nuovo tris di film si occuperà di esplorare mondi distanti da quelli ben noti, ma nello stesso tempo degli eventi che conosciamo – la Guerra dei Cloni, l’Impero, il Primo Ordine. La seconda possibilità è che invece Rian Johnson sia già stato incaricato di preparare il debutto cinematografico dell’Alta Repubblica, periodo storico risalente a centinaia di anni prima de La minaccia fantasma e che negli ultimi mesi ha rappresentato il rilancio editoriale di Star Wars con fumetti e romanzi dedicati. La già citata serie TV The Acolyte, in arrivo nei prossimi anni su Disney+, inizierà a esplorare in live action proprio tale periodo.

Star Wars by Kevin Feige

Concludiamo con l’ultimo film già confermato per il futuro del franchise, ma di cui i dettagli ancora latitano – giustamente, se pensiamo che non arriverà presumibilmente prima del 2027 o addirittura oltre.

Non sappiamo il nome del regista – ancora non è stato scelto, a quanto ne sappiamo -, né tantomeno gli sceneggiatori, gli attori coinvolti, il titolo o la collocazione temporale. Tutto quello che sappiamo è che sarà Kevin Feige a produrre questo nuovo film di Star Wars, e parliamo di un gigante dell’industria dell’intrattenimento.

Feige è infatti il boss dei Marvel Studios, l’uomo dietro all’incredibile ascesa e successo del Marvel Cinematic Universe negli ultimi 13 anni, sin dai tempi di Iron Man. Si tratta di colui che ha portato alla nascita di uno dei più grandi franchise di tutti i tempi, e al film con il più alto incasso fatto registrare nella storia del cinema, Avengers: Endgame (ri-superato solo recentemente da Avatar grazie al ritorno in sala del film di James Cameron).

Alan Horn, co-presidente e CCO di Walt Disney Studios, accolse con grande entusiasmo la notizia del coinvolgimento di Feige insieme a Kathleen Kennedy:

Sapendo che Kevin è un fan sfegatato, aveva senso che questi due straordinari produttori lavorassero insieme su un film di Star Wars

In molti hanno visto in questa decisione un primo tentativo di Lucasfilm di coinvolgere sempre di più l’uomo dietro al MCU, per farne prima o poi la figura di riferimento della compagnia e portarlo a costruire il futuro di Star Wars al posto proprio di Kathleen Kennedy. In realtà, è stato lo stesso Feige a smentire i rumor, confermando che si limiterà al ruolo di produttore per il film da lui supervisionato e che non avrà a che vedere con le altre pellicole e serie TV in programma, dovendo ancora gestire l’impero dei Marvel Studios.

Come dicevamo, non si conosce alcun dettaglio al momento sui film, ma sono in tanti a pensare che il coinvolgimento di Feige porterà nell’universo di Star Wars anche Brie Larson. L’attrice si è detta più volte interessata a entrare a far parte del franchise, e ha già lavorato (e continuerà a lavorare) con Feige nel MCU impersonando Carol Danvers in Captain Marvel e Avengers: Endgame. Per ora, però, nessun dettaglio ufficiale in merito al cast.



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento