A Plague Tale: Requiem si mostra in un dietro le quinte e in un video gameplay

Di Chiara Ferrè
11 Giugno 2022

Direttamente dal Tribeca Game Showcase, torna A Plague Tale: Requiem, l’atteso seguito del primo capitolo sviluppato da Asobo. Il team francese ha raccontato le idee e il lavoro che si celano dietro questo titolo in un interessante video che mostra anche del gameplay.

La storia di Amicia e del fratellino Hugo ritorna ricca di pericoli ed emozioni, con i toni malinconici e intensi che hanno catturato i videogiocatori già nel primo capitolo, A Plague Tale: Innocence. Come descritto dagli sviluppatori, nel concept del gioco il nemico doveva essere una sorta di impersonificazione della peste nera, da qui quindi l’idea di utilizzare fiumi di ratti per rappresentare la sua rapida diffusione e la sua minaccia. Anche questa volta si prende a piene mani l’ispirazione dalla cultura della Francia Medievale, infarcendo il tutto con una buona dose di fantasy e horror.

Il gameplay resta incentrato sullo stealth: Amicia non è una guerriera, bensì una ragazza normale, per questo dovrà sfruttare soprattutto l’astuzia per avere la meglio. A volte le orde di ratti andranno sfruttate a proprio vantaggio, come accadeva anche nel primo titolo. Oltre ad esprimere il proprio affetto per i due personaggi protagonisti e la passione che anima il progetto, Asobo ha menzionato anche importanti investimenti nella motion capture, così da poter portare su schermo delle animazioni intense, che facciano trasparire al meglio le emozioni dei personaggi.

A Plague Tale: Requiem non ha ancora una definitiva data di uscita, ma arriverà nel 2022 PC, PS5, Xbox Series X|S e Nintendo Switch (in cloud). Sarà inoltre su Xbox Game Pass già al day one.

La Collector’s edition è già stata svelata, ma di recente si è anche parlato di un adattamento televisivo di A Plague Tale.

 




Ciao, sono Chiara. Cresciuta a pane, Harry Potter e Final Fantasy, ho da sempre una grande passione per la narrazione in tutte le sue forme: vivo di cinema, libri, videogiochi e serie TV. Durante la settimana scrivo, osservo il mondo e vedo gente. Nel tempo libero scrivo (sì, di nuovo), disegno, videogioco.




Scrivi un commento