Anonymous e FBI arrestano i membri di Lizard Squad

Di Andrea "Geo" Peroni
14 Dicembre 2014

L’incubo virtuale di tanti videogiocatori di tutto il mondo sembra essere finalmente finito: nelle scorse ore, infatti, gli sforzi congiunti dell’FBI e di Anonymous hanno portato all’arresto dei membri di Lizard Squad.

lizard_squad

Il gruppo era tristemente noto alla community dei videogiocatori per i numerosi attacchi DDOS, e non solo, degli ultimi mesi. I servizi digitali PlayStation Network, Xbox Live e Steam (ma anche altri, tra cui i server di Blizzard) sono stati spesso attaccati, con il risultato che i sistemi sono risultati bloccati per un certo periodo di tempo, anche giorni in alcuni casi. Recentemente, però, Anonymous, gruppo di hacker “rivale” di LS, aveva deciso di entrare direttamente in azione, in quanto le azioni di Lizard Squad stavano danneggiando solamente i videogiocatori, e non le grandi aziende come Microsoft e Sony. Dopo l’ultima minaccia di LS, che annunciava un lungo periodo di stop di Xbox Live dopo il giorno di Natale, un sottogruppo di Anonymous, il FinestSquad, ha iniziato il contrattacco e consegnato direttamente tutti i membri del gruppo alle forze dell’FBI, fornendo indirizzi IP, nomi e cognomi dei diretti interessati. Sono stati inoltre cancellati tutti i tweet e l’account twitter di Lizard Squad, la cui carriera sembra finita. O, perlomeno, speriamo che sia finita.



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.