Call of Duty: Vanguard è il gioco della serie con il lancio peggiore della storia

Di Matteo "bovo88" Bovolenta
18 Gennaio 2022

L’ultimo titolo di Activision, Call of Duty: Vanguard, ha registrato il 36% in meno di vendite rispetto al suo predecessore nel Regno Unito lo scorso anno, diventando il gioco della serie con il lancio peggiore della storia.

BOMBA CLAMOROSA: Microsoft ha acquisito Activision Blizzard per 70 miliardi!

Questo è quanto riportato dai nuovi dati sulle vendite di software di GSD che seguono un precedente rapporto di VGC, secondo cui il lancio di Vanguard nel Regno Unito è stato il più basso del franchise sin dal 2007, infatti solo Call of Duty 4 Modern Warfare è stato in grado di fare peggio nella prima settimana.

I precedenti dati sulle vendite fisiche e digitali di GSD hanno mostrato che la settimana di apertura di Vanguard è diminuita del 40% su base annua, rispetto a Cold War.

Sebbene il calo sarà probabilmente deludente per l’editore Activision, Vanguard è stato ancora il secondo gioco più venduto nel Regno Unito l’anno scorso, secondo GSD, dietro FIFA 22 di EA.

Negli Stati Uniti, i dati NPD hanno mostrato che Vanguard era anche il secondo gioco più venduto dell’anno a partire dal mese di rilascio di novembre, ma non è riuscito a vendere più del suo predecessore Black Ops Cold War a partire da quel periodo.

All’inizio di questo mese, il giornalista Tom Henderson ha suggerito che la versione di Call of Duty del 2022, che è intesa come Modern Warfare 2, potrebbe essere rilasciata leggermente prima a causa dell’accoglienza deludente di Vanguard.

Un fattore che potrebbe aver contribuito al calo delle prestazioni di Vanguard, potrebbe essere la transizione hardware alle nuove console e l’elevata concorrenza di Halo Infinite e Battlefield.

Inoltre Call of Duty ha anche un titolo free-to-play estremamente popolare in Warzone, che può essere considerato un altro “concorrente”.

FONTE



Abbiamo parlato di:

Appassionato di videogiochi e console di ogni tipo, tecnologia ed informatica. Amante dei manga ed anime giapponesi, e della cultura nipponica in generale. Ha iniziato a videogiocare molto giovane prima con SNES e Game Boy, per poi passare a PlayStation. Da allora ogni genere di gioco lo ha sempre affascinato. Gli piace informarsi e tenere informati su questo fantastico mondo virtuale.




Scrivi un commento