Come funzionano i quick scope su Call of duty MW3 MW2 Cod4 …

Di Federico "Blue" Marchetti
28 Luglio 2012

Oggi ragazzi vi sveleremo la verità su quello che voi considerate “spettacolare” “fantastico” “stupefacente” quell’ azione che può essere compiuta solo dai cosiddetti “PRO gamer“. Stiamo parlando dei quick scope, quella cosa talmente improbabile che risulta scioccante quando avviene anche da chi la compie.

Vi siete mai chiesti perchè succede ma soprattutto perchè avviene così spesso? Ebbene vi dirò che, ciò che accade quando fate il tanto amato quickscope e no scope (per l’ 80 %  delle volte), non è merito vostro!
Infatti questa fantastica azione è solo frutto di complessi algoritmi che scattano quando ci si trova davanti ad un nemico, il computer vi mette in uno stato di “pericolo imminente” e a ciò segue un aumento delle probabilità di riuscita del colpo fino al 90% !

Come si fanno i quick scope?
il vostro compito è solo quello di posizionare il bersaglio al centro dello schermo e sparare al momento giusto ovvero nel momento in cui il computer ha già elaborato l’algoritmo, ma non dopo che il computer ha disattivato questo stato. Infatti se questa operazione viene fatta poco dopo il computer capirebbe che la minaccia può essere gestita autonomamente dal giocatore. Ora voi penserete “ma io sparo nel preciso momento in cui le tacche di mira dell’ ottica si allineano, è merito mio” invece no perchè nella maggior parte delle volte quelle tacche si allineano da qualche altra parte ma il computer devia il colpo. Nei giochi in cui il “proiettile” si comporta in maniera realistica, tipo in Battelfield 3, ciò non accade mentre in giochi come Call of Duty MW3 MW2, Cod4 e simili, il proiettile si comporta come un “LASER” e la traiettoria non è sempre casuale. Ecco come funziona il quick scope. questo “SISTEMA” è stato presente in uno dei primi FPS della storia, “DOOM” e viene adottato tutt’ ora in moltissimi altri sparatutto sia first shooter che non.  Quindi la prossima volta che colpite in testa qualcuno senza mirare dalla luna non vi esaltate troppo, ok?  Cosa ne pensate?

Articolo a cura di UAGNA_nicolai



Press play on tape: cresciuto a suon di C64 e Coin-op, mi diverto a seguire l'evoluzione videoludica next-gen. Co-Founder dell'universo Uagna, ho lavorato a fondo per far nascere una community videoludica di successo ma differente dalle altre esistenti. "Sono sempre pronto ad imparare, non sempre a lasciare che mi insegnino".