Disastro eFootball 2022, Konami chiede scusa ai giocatori

Di Andrea "Geo" Peroni
2 Ottobre 2021

Nella settimana che volge al termine, uno dei temi più scottanti è stato certamente quello di eFootball 2022, e anche Konami ne è purtroppo consapevole.

Pochi giorni fa eFootball 2022, erede della serie PES che passa a un modello free to play su console e PC (e mobile in futuro), è stato reso disponibile su PS5, Xbox Series X|S, PS4, Xbox One e PC, attirandosu di sé le attenzioni di moltissimi giocatori. Tutto per due motivi: il primo è per la natura free to play, che consente a tutti di provarlo; il secondo è che il gioco, allo stato attuale delle cose, è un disastro.

Come vi abbiamo riportato giovedì, eFootball 2022 è stato rapidamente travolto dalle critiche degli utenti, che su Steam hanno affossato il gioco facendolo diventare il gioco della serie PES peggio recensito tra tutti, e in generale uno dei titoli peggio percepiti sull’intera piattaforma.

Tra i problemi che gli utenti segnalano più frequentemente c’è la carenza di contenuti e di opzioni personalizzabili, ma anche un comparto grafico e tecnico incredibilmente arretrato anche rispetto ai precedenti giochi della serie, compreso eFootball PES 2021 che era in realtà un semplice update delle rose di PES 2020.

L’esordio, insomma, è tutto da dimenticare. Per fortuna, Konami ha dichiarato di essere a conoscenza di questi difetti, e di lavorare per risolverli al più presto.

In un tweet pubblicato sul profilo ufficiale di eFootball, gli sviluppatori hanno infatti fatto mea culpa e hanno chiesto scusa ai giocatori, ribadendo ancora una volta che il team sta lavorando alla risoluzione dei problemi più importanti e che già nel corso di ottobre arriverà un update per migliorare la situazione.

Nonostante le scuse di Konami, però, gli utenti continuano a lamentarsi di eFootball 2022 – a ragion veduta: il gioco, come vi racconteremo anche nei prossimi giorni con un’analisi più approfondita, è ben lontano dall’essere considerabile accettabile.



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento