[Guida] Mortal Shell – Come aprire i forzieri di pietra

Di Marco "Bounty" Di Prospero
19 Agosto 2020

Come vi abbiamo raccontato nella nostra recensione e nella nostra guida, Mortal Shell è un titolo ricco di segreti e oggetti da trovare. In particolare, fin dai primi momenti di gioco noterete dei forzieri in pietra a forma di rana che, apparentemente, non possono essere aperti. Provando ad interagire con loro riceverete infatti la scritta “forziere bloccato“. Tuttavia, seguendo determinati step riuscirete a sbloccarli, raccogliendo i preziosi oggetti che nascondono.

Ecco quindi la guida su come aprire i forzieri in pietra in Mortal Shell.

Come aprire i forzieri in pietra

Per sbloccare i forzieri dovrete necessariamente uccidere i boss che incontrerete durante l’avventura. Questo perchè al termine di ogni boss fight otterrete le Sacre Ghiandole, oggetti che vi saranno richiesti dal prigioniero alla Torre di Fallgrim. Ad ogni ghiandola raccolta la mappa di gioco verrà coperta di nebbia, generando nemici più potenti del normale. E’ proprio in questo frangente che i forzieri diventeranno apribili, permettendovi di raccogliere gli oggetti in essi contenuti. Una volta resituita la Ghiandola alla Torre di Fallgrim la nebbia svanirà, bloccando nuovamente le casse. A questo punto tuttavia apparirà Thestus, uno Spettro che vi darà due opzioni: rievocare la nebbia o riportare tutto alla normalità. Decidendo di evocare nuovamente la nebbia potrete interagire nuovemente con i forzieri.

Questa dunque la guida su come aprire le casse in pietra in Mortal Shell. Prima di concludere vi ricordiamo che su Uagna.it troverete la guida completa al gioco.

 

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale


Abbiamo parlato di:

Durante il giorno dipendente presso una società finanziaria. La sera nerd e videogiocatore. Per me l'intrattenimento videoludico è una forma d'arte grazie alla quale poter fantasticare e staccare la spina dallo stress giornaliero. Cresciuto a suon di Mortal Kombat, Metal Gear Solid e Resident Evil.




Scrivi un commento