Halo Infinite, si cambia al vertice: torna Joseph Staten di Bungie per supervisionare il gioco

Di Andrea "Geo" Peroni
27 Agosto 2020

Dopo la clamorosa notizia del rinvio al 2021, continua la rivoluzione in casa 343 Industries per quanto riguarda lo sviluppo di Halo Infinite.

Inizialmente previsto per uscire al lancio della next-gen, Halo Infinite uscirà su Xbox Series X, Xbox One e PC nel corso del prossimo anno – a tal proposito, poche ore fa la software house ha smentito i rumor su un ulteriore rinvio al 2022.

Il team ha deciso di cambiare e allo stesso tempo tornare al passato, perché fa ora parte del team di Halo Infinite l’ex-Bungie Joseph Staten.

Lo sviluppatore è una vecchia conoscenza del franchise, avendo lavorato ai primi capitoli della serie Halo insieme a Bungie per poi spostarsi sul franchise di Destiny.

Vista la sua storia, Staten non è stato ingaggiato solamente per aiutare, ma avrà un ruolo primario: l’ex-Bungie sarà infatti il nuovo supervisore della campagna di Halo Infinite, che deve certamente recuperare credibilità dopo la presentazione sottotono dello scorso mese.

Oltre a Staten, 343 Industries ha inoltre annunciato di aver stretto due collaborazioni con altrettante software house: Certain Affinity, che si occuperà del multigiocatore di Halo, e Spearsoft, che aiuterà invece nello sviluppo generale del titolo.

Hai Telegram? Clicca sull'icona per entrare nel canale


Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.




Scrivi un commento