Inserire le armi da fuoco in Bloodborne non è stato facile

Di Marco "Bounty" Di Prospero
1 Ottobre 2014

Bloodborne è una nuova IP in sviluppo presso From Software, che verrà rilasciato il prossimo 6 Febbraio 2015 in esclusiva PS4. L’azienda giapponese ha quindi deciso di abbandonare la serie dei Souls per dedicarsi a questo nuovo titolo, che avrà elementi ripresi dai Souls, ma che porterà anche molte innovazioni. Come saprete infatti, gli sviluppatori hanno deciso di inserire le armi da fuoco nel sistema di combattimento. Tale decisione è stata però molto difficile da prendere, come ha detto Hidetaka Miyazaki, a capo della produzione di Bloodborne, in una recente intervista.

mostribloodborne

Decidere se introdurre le pistole è stata una scelta veramente difficile ma tutto è nato dal desiderio di cambiare il gameplay, anche per adattarlo all’ambientazione del XIX secoloFortunatamente la maggior parte degli armi da fuoco non erano così accurate e non avevano un lungo raggio d’azione come quelle del giorno d’oggi, così abbiamo potuto rendere credibile il loro inserimento senza rovinare il combattimento. Inoltre abbiamo studiato attentamente come poter utilizzare l’arma senza poter fare un reale e costante affidamento su di essa.

Queste le parole di Miyazaki, da cui possiamo intuire la volontà di rendere il sistema di combattimento equilibrato e vario. Le armi da fuoco saranno infatti a corto raggio e, per sconfiggere i nemici, dovremo utilizzare anche le armi da taglio.

Restate su Uagna per nuovi aggiornamenti sulla questione.



Durante il giorno dipendente presso una società finanziaria. La sera nerd e videogiocatore. Per me l'intrattenimento videoludico è una forma d'arte grazie alla quale poter fantasticare e staccare la spina dallo stress giornaliero. Cresciuto a suon di Mortal Kombat, Metal Gear Solid e Resident Evil.