Kingdom Hearts: Union Cross | Il gran finale, Parte 1

Di Andrea "Geo" Peroni
30 Aprile 2021

Partiamo da un concetto che ormai sembra essere palese: il team di Kingdom Hearts: Union Cross si è trovato spiazzato di fronte alla frettolosa, inutile negarlo, chiusura del gioco annunciata da Square Enix nel mese di febbraio. Lo dimostra il fatto, già chiaro di suo, che in occasione dell’update odierno della storia non è stata pubblicata alcuna quest aggiuntiva, a indicare che gli sviluppatori si stanno ormai occupando di chiudere la trama e salutare per sempre la community del mobile game, non senza un po’ di amarezza.

Se non altro, Tetsuya Nomura e i suoi hanno avuto a disposizione qualche settimana in più per ultimare il tutto, tanto che il gran finale di Kingdom Hearts: Union Cross è stato diviso in due parti. La carne al fuoco è in effetti tanta, e si temeva il rischio di un lunghissimo epilogo in controtendenza con le abitudini dei giocatori smartphone.

Come se non bastasse, e come da tradizione, nella Parte 1 del finale, da oggi disponibile tramite aggiornamento dell’app, arriva nuova carne al fuoco, che come sempre servirà per fare succose teorie su ciò che sarà in futuro Kingdom Hearts.

Vediamo quindi insieme cosa è accaduto nel ricco update odierno – e ovviamente ci saranno spoiler grandi quanto un palazzo.

La speranza

Il sacrificio di Ventus, che compreso il suo potere luminoso si è scagliato contro Darkness, ha dato i suoi frutti: i Denti di Leone sono riusciti a respingere l’oscura figura, e ora sono decisi a fare il loro ritorno nell’Auropoli reale abbandonando la versione digitale in cui si trovano. Lo scontro ha però avuto anche i suoi effetti negativi: Ventus è in stato catatonico, evidentemente debilitato dalla tremenda battaglia, e riposa nella sua stanza sorvegliato da Lauriam il quale ha ormai perdonato il ragazzo per l’omicidio di Strelitzia, per il quale Ven è stato manipolato da Darkness.

All’esterno della stanza, Ephemer, Skuld, Brain e il giocatore discutono degli eventi, prima di essere raggiunti da Elrena e dal suo Chirithy che hanno alcune incredibili informazioni, le quali lasciano davvero sbigottiti. Ephemer si appresta a chiamare Lauriam, poiché sarà certamente il più interessato a tali rivelazioni: il Chirithy di Elrena svela infatti di aver visto nella piazza di Auropoli, pochi giorni prima, un uomo in un abito nero (probabilmente Luxu, alla luce di quello che abbiamo visto nel precedente upate) in compagnia di una giovane ragazza avvolta in una tunica bianca che assomigliava in tutto e per tutto a Strelitzia. La ragazza, forse, è ancora viva.

La questione stupisce ovviamente Lauriam, anche se è più complessa di ciò che sembra. Come spiega e ricorda Brain una volta che i Denti di Leone tornano nella sala dei Veggenti per discutere, la Auropoli digitale è stata creata dal Maestro dei Maestri come una copia integrale di ciò che era Daybreak Town prima della Guerra del Keyblade, che contiene a sua volta il “backup” completo di tutti i custodi del Keyblade e abitanti della città che lì vivevano. Questo, in poche parole, significa una cosa: esiste una copia digitale anche di Strelitzia, poiché la sua morte è avvenuta solo poche ore prima della Guerra del Keyblade e in un momento, quindi, in cui la Auropoli di dati era già stata creata come rifugio per i Denti di Leone. Le domande su chi fosse la figura incappucciata e dove si trovasse ora Strelitzia sono però ancora tante, e i leader delle Unioni decidono quindi di essere pronti per il grande salto: la risposta ai loro quesiti si trova quasi certamente nel mondo reale. È tempo di utilizzare le lifeboats dell’Arca per tornare nell’Auropoli vera e propria.

Giunti nella stanza dell’Arca, i Denti di Leone al gran completo (seppur Ven sia ancora addormentato), insieme a Elrena e al giocatore, si trovano di fronte però a un dilemma che non avevano considerato in precedenza: loro sono in 7, mentre l’Arca può ora portare solo 5 persone. Due lifeboat sono infatti inutilizzabili: una è stata distrutta nello scontro tra Malefica e Lauriam, mentre la seconda è quella utilizzata dalla strega – e Darkness – per viaggiare verso la Auropoli reale, tappa che servirà poi alla fata oscura per tornare nel futuro all’epoca dei fatti di Kingdom Hearts II.

Il gruppo inizia quindi a discutere di chi è davvero indispensabile per questo viaggio, arrivado rapidamente a un accordo grazie al loro profondo legame di amicizia che si è instaurato. Brain afferma ad esempio di essere fondamentale per compiere il viaggio, in quanto, grazie alle sue conoscenze, nella Auropoli reale potrà trovare un modo per aiutare anche coloro che sono rimasti intrappolati nel mondo dei dati. Il gruppo concorda, così come appoggia l’idea di inviare “dall’altra parte” anche Lauriam (insieme a Ven, per non lasciarlo solo e in difficoltà nel mondo digitale) ed Elrena, i quali sono quelli più interessati a ritrovare Strelitzia e anche coloro che hanno i maggiori indizi in merito, grazie a Chirithy. Delle 5 lifeboats disponibili, quindi, 4 sono state scelte: Brain, Lauriam, Ven ed Elrena. Ephemer, Skuld e il giocatore, invece, decidono di restare nella versione digitale di Daybreak Town, per continuare a monitorare la situazione e attendere pazientemente il piano di Brain, il quale ha però ancora una cosa da fare prima di entrare nell’Arca. Il ragazzo affida infatti a Ephemer sia il Libro delle Profezie, sia il suo maestoso Keyblade, il Tutore del Maestro, affermando che questo era stato proprio pensato per lui. Una frase enigmatica, ma che sembra racchiudere in sé il significato e l’importanza di un personaggio come Ephemer, un grande faro luminoso per tutti i custodi del Keyblade.

Il gruppo, così, si divide. Brain, Ven, Lauriam ed Elrena tornano nel mondo reale, mentre Skuld, Ephemer e il giocatore decidono di restare nella versione digitale di Auropoli.

6

Nella torre della Auropoli reale, Luxu ha inviato il misterioso “Vero Dente di Leone” nel futuro, ma il suo compito non sembra essere terminato. Darkness, che sta parlando con lui, afferma di non sapere dove e quando la figura incappucciata di bianco sia stata inviata, e ammette inoltre di non averlo letto dal Libro delle Profezie, ma questo non sembra interessarle: il suo scopo non è infatti quello di conoscere ogni cosa, come invece faceva il Maestro dei Maestri, bensì quello di puntare in alto, guardare all’espansione.

In questo, il MoM e Darkness sono diametralmente opposti, e lo stesso Luxu lo mette in evidenza. Ancora una volta, come ci è stato già detto più volte in passato, il sesto apprendista dichiara che il Maestro dei Maestri non è affatto un amante dell’oscurità, nonostante sia già stato chiarito che lui e Darkness si conoscevano. Ciò potrebbe avere a che fare con la famosa guerra di cui ha parlato il MoM a Luxu in passato, che è iniziata in un’epoca e in un mondo lontani quando l’antico era ancora un giovane ragazzo, e dove l’oscurità non aveva la forma di un essere umano.

Darkness è intenzionata a viaggiare nel futuro per completare la sua visione di espansione in tutti i mondi, anche quelli che ancora non sono stati creati, ma Luxu, per la prima volta, sembra pronto a intervenire direttamente per fermarla. Nonostante il compito del Maestro dei Maestri a lui assegnato fosse quello di osservare senza interferire, Luxu afferma che stavolta intende mettersi in mezzo tra Darkness e i suoi piani non tanto per i Denti di Leone, quanto invece per se stesso, forse evitando quindi di contravvenire alla missione affidatagli. Questo perché, evidentemente, Luxu sa qualcosa.

Il sesto apprendista, brandendo il Keyblade No Name, mette infatti alle strette Darkness, svelando un suo pericoloso segreto: l’oscura figura è oggi senza una forma fisica, come più volte lei stessa ha dichiarato, ma è una condizione obbligatoriamente limitata. Più Darkness esiste senza una forma tangibile, più svanirà. Un segreto che deve essere arrivato sicuramente dal Maestro dei Maestri.

Luxu racconta infatti ciò che gli è stato svelato: nell’antica guerra a cui prese parte il MoM da giovane, l’oscurità aveva una forma ben definita, differente da quella degli umani, che poi abbandonò per diventare un’unica grande oscurità intangibile. Una condizione che però non può durare, in quanto occorreranno sempre corpi fisici all’oscurità per poter sopravvivere. Irritata dalle parole di Luxu, Darkness vuole mettere a tacere l’apprendista, ma questo è un fiume in piena, ed è pronto a svelare nuove carte del suo mazzo.

Luxu afferma infatti di essere a conoscenza del fatto che esistono altre 5 ombre senzienti oltre alla Darkness che ha di fronte, per un totale di 6 oscure entità (notato il paragone tra i 6 apprendisti del Maestro dei Maestri e le 6 oscurità?). Una di esse è intrappolata nel mondo digitale, la stessa, probabilmente, che si è scontrata con i Denti di Leone prima e Ventus poi. Ma potrebbe non essere l’unica, anzi: la certezza ci arriva dalla stessa Darkness, che afferma che le sei entità hanno trovato rifugio nel regno dei dati dopo la guerra. L’ombra che ha di fronte Luxu, però, è l’unica che sia riuscita a compiere il passaggio tra i mondi, grazie a Malefica. I due sono di fronte l’uno all’altro, ed entrambi si trovano sul cammino del rivale. È l’inizio di un nuovo e importante scontro.



Abbiamo parlato di:

Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.


1 commento:


  1. Marcello


Scrivi un commento