Metal Gear Rising: Revengeance news dalla demo

Di Andrea White Mezzelani
28 Ottobre 2012

Da febbraio del 2013 gli appassionati di Metal Gear potranno tornare su un titolo di questa saga, Metal Gear Rising: Revengeance. Dopotutto, inutile negarlo, Metal Gear è una tra le saghe di maggior successo al mondo, una saga che ha fatto affezionare milioni di gamers in tutto il mondo dall’oriente all’occidente.
Come i più informati di voi sapranno, questa volta Metal Gear con Revengeance uscirà anche su Xbox360 oltre che su PlayStation3 (21 febbraio 2013). Mentre in Europa ci si dedica ad altri giochi in attesa di news ufficiali in Giappone è stata rilasciata la demo ed in questo video di circa mezz’ora potete gustarvi un gameplay della demo e qualche sequenza video, che non scordiamoci, sono fondamentali nei giochi della saga Metal Gear.
Da quel poco che si è potuto vedere (è presto per giudicare) la grafica sembra buona ma forse eravamo partiti un po’ ottimisti e quindi nel complesso ci delude un pochino più che altro nelle espressioni dei personaggi, perché durante il gioco il livello è decisamente alto. La libertà di visione crea un senso di agilità e libertà che negli altri giochi era meno marcato. I combattimenti; belli, ma particolari. Deve piacere il genere, dopotutto è pseudo-futurista. Forse questo capitolo si distacca dagli altri Metal Gear per la questione stealth. E’ poco divertente ed emozionante compiere azioni stealth (una gran pecca) e, perlomeno da quello che si è visto nel video, più che altro ci si diverte negli scontri aperti ad effettuare combo. Questi i giudizi generali, non ci vogliamo spingere oltre onde evitare giudizi sbagliati. Voi che ne pensate? Per i più appassionati della saga: questo titolo vi fa gola o aspettate Ground Zeroes?


Indice



Drogato di cinema e cresciuto a "pane e videogames". Nel cinema cerco qualità che troppo spesso ultimamente lascia posto ad una commercializzazione sfrenata. I videogiochi sono il futuro dell'intrattenimento; sarebbe stupido pensare altrimenti e speriamo che in Italia questa consapevolezza si espanda. La musica da sempre mi appassiona, ascolto di tutto e lego particolari momenti a delle canzoni che diventano, così, vere e proprie colonne sonore della mia vita. Adoro informarmi, conoscere e sperimentare.