Coronavirus, Sony limiterà i download su PlayStation in Europa

Di Andrea "Geo" Peroni
24 Marzo 2020

L’effetto Coronavirus si fa sentire anche sul mondo dei videogiochi come abbiamo visto nelle scorse settimane, e  le conseguenze della crisi sanitaria mondiale si ripercuotono ora anche sui servizi online.

Sony ha confermato da pochi minuti che anche i server di PlayStation andranno incontro a limitazioni per quanto riguarda l’Europa, per evitare il sovraccarico delle infrastrutture.

Con milioni di persone bloccate a casa in tutta Europa, le infrastrutture internet stanno traballando, e per questo i governi mondiali stanno chiedendo e operando diverse limitazioni.

Nelle settimane e giorni scorsi, Amazon, YouTube e Netflix hanno deciso di abbassare la qualità dello streaming e della riproduzione dei video, cosa che poi hanno dovuto fare anche Disney+ (che ha pure rinviato il lancio in Francia su richiesta del governo), Instagram e Facebook.

Quest’oggi arriva la conferma che anche i servizi online dei videogiocatori saranno regolati e limitati. Jim Ryan, di Sony, ha dichiarato che la compagnia sta lavorando con i provider di internet per gestire il traffico in Europa e al tempo stesso cercare di ridurre lo stress del sistema. Perciò, PlayStation ha deciso di limitare le velocità dei download, per cercare di mantenere invariata l’esperienza di gioco. Insomma, server più stabili in cambio di una velocità di download dei dati più lenta.

Queste le parole di Jim Ryan, apparse in un breve post sul PlayStation Blog ufficiale:

Giocare ai videogiochi consente ai giocatori di tutto il mondo di connettersi con amici e famigliari e godere dell’intrattenimento necessario durante questi tempi incerti. Sony Interactive Entertainment sta lavorando con i provider dei servizi internet per gestire il traffico di download per preservare l’accesso della community a internet.

[…] I giocatori potranno trovare ritardi nei download o addirittura rinvii, ma potranno godere di un continuo robusto gameplay. […] Abbiamo preso queste misure per preservare l’accesso a tutti.



Entra a contatto con uno strano oggetto chiamato "videogioco" alla tenera età di 5 anni, e da lì in poi la sua mente sarà focalizzata per sempre sul mondo videoludico. Fan sfegatato della serie Kingdom Hearts e della Marvel Comics, che mi divertono fin da bambino. Cacciatore di Trofei DOP.